Ederson salta Pescara

Ederson salta Pescara

Quella fitta non ha spento e smorzato il suo sorriso. Due gol per prendersi la Lazio, il primo nel campionato italiano e il primo in Europa. Nelle Coppe, con l’Olympique Lione, Honorato Ederson non era mai andato a segno. Ora avrebbe voglia di non fermarsi più. Ha sofferto nelle ultime…

Quella fitta non ha spento e smorzato il suo sorriso. Due gol per prendersi la Lazio, il primo nel campionato italiano e il primo in Europa. Nelle Coppe, con l’Olympique Lione, Honorato Ederson non era mai andato a segno. Ora avrebbe voglia di non fermarsi più. Ha sofferto nelle ultime due stagioni in Francia. S’è bloccato subito, nei primi giorni di ritiro ad Auronzo di Cadore, per una distrazione al legamento collaterale del ginocchio destro. Giovedì sera, quando ha avvertito una fitta agli adduttori della coscia sinistra, neppure s’è fermato. Ha continuato a giocare. Ha trovato il gol decisivo della partita, poi è uscito, Petkovic l’ha richiamato in panchina, perché quel dolore non spariva. Quando è arrivato alla clinica Paideia per gli accertamenti, Ederson ha provato a spazzare ogni dubbio.  «Sto bene e non ho alcuna intenzione di fermarmi» ha spiegato il brasiliano. Era accompagnato dalla moglie, Patrizia Pighini, e da Roberto Bianchini, medico sociale della Lazio.

STOP – Non è uscito completamente soddisfatto, ma neppure è andata malissimo. Poteva trattarsi di un infortunio più serio. L’esito della risonanza magnetica è stato diramato attraverso un comunicato dalla società biancoceleste.  «Gli esami hanno evidenziato una situazione di sovraccarico a livello dell’adduttore della coscia sinistra. L’atleta ha iniziato un protocollo atletico specifico e le sue condizioni verranno valutate giorno per giorno» . Si tratta di una contrattura. Ederson salterà la trasferta di Pescara, questa è la notizia che non può far piacere. Petkovic l’avrebbe confermato tra i titolari oppure sarebbe entrato a partita in corso. Un’assenza pesante, anche se i timori e le ansie legate ad un possibile stiramento sono svanite. Nel giro di una settimana, il brasiliano dovrebbe tornare ad allenarsi con il gruppo. Verrà favorito dalla sosta del campionato, ma certo è un altro piccolo contrattempo che non ci voleva. Ederson s’è fatto male al terzo minuto della ripresa, ha catturato un pallone, è entrato di prepotenza in area di rigore e ha tirato di sinistro, sfiorando il gol. Un’azione irruenta in cui ha avvertito una fitta alla coscia sinistra, nella zona inguinale. Ha pagato lo sforzo per il tiro.

SCADENZA – Ederson viene da una stagione in cui ha giocato poco in Francia e da un’estate in cui è stato costretto a saltare la preparazione. L’infortunio al ginocchio risale al 18 luglio e il brasiliano ha ripreso ad allenarsi con la squadra i primi giorni di settembre. E l’ultima presenza in Ligue 1 risale al 7 aprile (Lione-Auxerre 2-1), pochi giorni dopo la firma del contratto quinquennale con la Lazio (datata 29 marzo). Già dall’inizio di marzo, sapendo che non avrebbe rinnovato, l’Olympique lo aveva messo in panchina. Ha concluso con appena 15 presenze (e 2 gol) l’esperienza a Lione, dove era arrivato nell’estate 2008, pagato 14,9 milioni di euro. Poche presenze (appena 8) anche nel 2010/11, una stagione segnata da uno strappo muscolare che aveva reso necessario un intervento chirurgico e imposto uno stop di quasi sette mesi. Ora sta bene. S’è presentato alla Lazio con la fame evocata da Petkovic. E ha voglia di riprendersi il tempo perduto

Il Corriere dello Sport

Cittaceleste

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy