Fate largo a Floccari

Fate largo a Floccari

Vice a chi? Non a Floccari. Un gol fatto, un gol non dato, un rigore procurato, serve altro? Novanta minuti da grande, giocati con voglia, qualità, senza fermarsi mai, scalando di posizione, arretrando sulla trequarti, facendo salire la squadra. Vice a lui? Non più. Floccari merita di giocare, l’ha detto…

Vice a chi? Non a Floccari. Un gol fatto, un gol non dato, un rigore procurato, serve altro? Novanta minuti da grande, giocati con voglia, qualità, senza fermarsi mai, scalando di posizione, arretrando sulla trequarti, facendo salire la squadra. Vice a lui? Non più. Floccari merita di giocare, l’ha detto anche Petkovic. Merita d’essere associato a Klose, la panchina gli sta stretta, forse è ora di accoppiarli tatticamente quei due. Due gol nelle ultime due partite, quasi tre se non fosse stata annullata la rete dello 0-2, sono questi i numeri di bomber Floccari, l’ex riserva. Il destino dà e toglie: Sergio aveva bucato l’Atalanta domenica scorsa, quella rete fu contestata per un iniziale tocco di mano. Ieri è stato danneggiato lui, s’era inserito alla perfezione, aveva mirato l’angolo alla sinistra di Ujkani, è stato segnalato il fuorigioco. Resta la perla del momentaneo vantaggio laziale, quel lancio millimetrico di Ledesma, lo stacco di Floccari, la parabola che supera il portiere rosanero. Che delizia, ha infilato la palla sotto l’incrocio con un tocco morbidissimo, imprendibile. Floccari ha fatto la telecronaca dell’azione a fine primo tempo, parlando a Sky: «La palla stava andando sulla linea di porta, ho provato a prenderla allungandola sul palo lungo e ci sono riuscito. E’ stato merito anche di Ledesma, mi ha servito un grande passaggio» .

L’ANALISI – Floccari ha dovuto aspettare cinque mesi e ben 20 partite per giocare dal primo minuto in campionato. S’è preso la ribalta firmando una prestazione super. Klose non c’era, lui non l’ha fatto rimpiangere. Certo, non è arrivata la vittoria, col tedesco la percentuale di successo è più alta. Ma cosa c’entra Floccari? Ha fatto il possibile e l’impossibile a Palermo, ha firmato la quinta rete stagionale (tre in Europa League, due in serie A). Floccari merita fiducia, ne merita ancora di più. Ha interpretato il ruolo alla perfezione, alla Klose si potrebbe dire. E’ l’unico dei bomber presenti in rosa (non se la prenderà Kozak) a saper occupare il ruolo di centravanti in ogni modulo, in quello a una punta, in quello con due (l’ha dimostrato entrando in corsa contro l’Atalanta). Un punto guadagnato o due persi? Non facile come domanda. Floccari ha detto la sua a Lazio Style Channel: «E’ stata una partita dai due volti, nel primo tempo siamo stati molto ordinati, li abbiamo messi in difficoltà con la profondità del nostro gioco. Nella ripresa, al contrario, siamo andati in difficoltà, abbiamo subito la reazione veemente del Palermo. Nei primi quindici minuti abbiamo incassato un po’ troppo» . La Lazio ha avuto la forza di reagire, Floccari non ha mollato un pallone fino all’ultimo: «Nel corso della gara ci sono stati diversi momenti, diverse emozioni, avremmo dovuto gestire un po’ meglio la partita dopo il vantaggio. Dobbiamo prendere gli aspetti positivi della partita, abbiamo reagito dopo i due gol subiti, questo punto alla lunga potrebbe essere molto utile. Molte squadre da qui alla fine della stagione faticheranno a fare risultato al Barbera» .

LA JUVENTUS – Dal Palermo alla Juventus, tutto di corsa. Martedì si giocherà l’andata della semifinale di Coppa Italia. Klose sta provando a recuperare (è reduce da problemi ai flessori della coscia sinistra), è rimasto a riposo per giocare. Ma questo Floccari meriterebbe la conferma: «Martedì la Juventus? E’ un match fondamentale, dovremo affrontarlo con il giusto approccio. E’ vero, c’è la possibilità di rifarsi nella gara di ritorno, ma ci giocheremo molto all’andata, a Torino. Andremo lì con la voglia di continuare a stupire. La prova di Palermo può farci crescere, sapevamo che sarebbe stata una partita difficile, la reazione vale molto» .

Il Corriere dello Sport

Cittaceleste

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy