GAZZETTA – Lotito vota contro Monti

GAZZETTA – Lotito vota contro Monti

La sua Lazio vola oltre le più rosee previsioni, con le Istituzioni sportive vive un periodo di insolita tregua, ed allora a Claudio Lotito non resta che uscire dal mondo del pallone per trovare qualcuno con cui prendersela. Solo che il presidente della Lazio punta molto in alto, addirittura al…

La sua Lazio vola oltre le più rosee previsioni, con le Istituzioni sportive vive un periodo di insolita tregua, ed allora a Claudio Lotito non resta che uscire dal mondo del pallone per trovare qualcuno con cui prendersela. Solo che il presidente della Lazio punta molto in alto, addirittura al premier Mario Monti. «Il suo governo ha aumentato le tasse e bloccato l’economia — ha detto ieri Lotito durante la trasmissione Supermax su Radiodue —. Monti ha pensato a fare solo tagli senza preoccuparsi dello sviluppo. E anche come tagli poteva fare meglio. Sulla previdenza, ad esempio, è stata fatta una riforma al 70 %, senza attaccare le pensioni d’invalidità fittizie e tutte quelle pensioni che rappresentano privilegi ». E pensare che un modello da seguire c’era. Quale? La Lazio di Lotito, ovviamente… «Quando sono arrivato ho trovato una Lazio in condizioni disperate. Ebbene, la prima cosa che ho fatto è stata tagliare i costi. A cominciare da quelli dei dirigenti più importanti, meper primo: è fondamentale dare il buon esempio…». Certo, la Lazio fu salvata grazie anche all’accordo col Fisco. «Allo Stato abbiamo già restituito 60 dei 140 milioni che dovevamo. Siamo stati agevolati, vero, ma l’alternativa per l’Erario era perdere quei soldi». Floccari vice Klose Chissà che Lotito non stia facendo un pensierino alla politica («di che area sono? Quella della gente, di chi vuole la soluzione di problemi, mentre i politici i problemi li hanno solo creati»), nel frattempo il presidente si gode la sua Lazio-rivelazione. Che domani sarà di scena ad Atene per il terzo turno di Europa League. Come già fatto nel precedente match di Coppa col Maribor Petkovic è intenzionato a fare un robusto turn over. Almeno mezza squadra resterà a riposo, tra coloro che saranno fermati sicuri Klose e Lulic. Il tedesco non partirà neppure per Atene e continuerà quindi ad allenarsi a Roma, dove – ha confessato ieri a Sky Germania — «mi trovo molto bene. Trasferirmi qui è stata una fortuna per me. Con la lingua italiana ho avuto qualche problema all’inizio, ma ora va tutto bene, la parlo pure unpo’». L’amore per la Lazio è poi cresciuto con l’arrivo in panchina di Petkovic. «Ottimo allenatore—ancora Klose —. Lo apprezzo soprattutto perché è uno che tiene sempre alta la concentrazione e fa lavorare molto la squadra». Al posto del tedesco, ad Atene, giocherà Sergio Floccari che ha ormai guadagnato i gradi di vice-Klose, superando la concorrenza di Zarate e Kozak. L’attaccante calabrese si è sempre disimpegnato bene ogni volta che è stato impiegato, ma non ha ancora segnato. Quella col Panathinaikos è l’occasione giusta per colmare la lacuna.

Fonte: La Gazzetta dello Sport

Rob.Ma. – Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy