GAZZETTA – Pino Insegno «Siamo più attendisti Ma arriveremo a 20mila»

GAZZETTA – Pino Insegno «Siamo più attendisti Ma arriveremo a 20mila»

Pino Insegno è di parola: «Tre tessere di Monte Mario, per me e i miei figli, non ci piove, anche se a volte le lascio a casa e vado in curva. Pago ogni anno l’abbonamento, e lo rifarò, è così da 25 stagioni.Maancora non ho rinnovato, lo ammetto ». Non…

Pino Insegno è di parola: «Tre tessere di Monte Mario, per me e i miei figli, non ci piove, anche se a volte le lascio a casa e vado in curva. Pago ogni anno l’abbonamento, e lo rifarò, è così da 25 stagioni.Maancora non ho rinnovato, lo ammetto ». Non attende il grande colpo di mercato, è laziale a prescindere: «Il nostro pubblico è salottiero, più attendista, quello romanista è più popolare, arrembante, “stradaiolo”. Non è che siamo passionali, siamo solo diversi. Esempio: se un tabaccaio vende gli accendini della Roma, vanno a ruba; quelli della Lazio restano sul bancone».
Niente paura.

Dopo il 26 maggio, però, il boom non sarebbe stato una sorpresa: «Il laziale, di natura, attende l’ultimo minuto, ma poi si muoveranno tutti e si arriverà a 20 mila. La vittoria in Coppa Italia, comunque, ci ha dato entusiasmo e tranquillità, a differenza di tanti amici romanisti che si sentono martoriati. In generale, però, mi auguro di vedere lo stadio pieno: quello di Roma è un pubblico elegante, non è giusto che per poche persone ci sia un’immagine negativa. A me, per strada, tutti portano rispetto, ma ci saranno pure due “stronzi” che non mi salutano».

Gazzetta dello Sport

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy