GAZZETTA – Prova e riprova Così Petkovic avrà cinque Lazio

GAZZETTA – Prova e riprova Così Petkovic avrà cinque Lazio

«Non so se sarò ancora alla Lazio in futuro, ma se dovessi restare farò ogni estate così: proverò moduli e situazioni di gioco diverse, anche a costo di rischiare figuracce nelle amichevoli ». Vladimir Petkovic lo disse un anno fa ad Auronzo di Cadore al termine del suo primo ritiro…

«Non so se sarò ancora alla Lazio in futuro, ma se dovessi restare farò ogni estate così: proverò moduli e situazioni di gioco diverse, anche a costo di rischiare figuracce nelle amichevoli ». Vladimir Petkovic lo disse un anno fa ad Auronzo di Cadore al termine del suo primo ritiro con la Lazio. Sembrava una trovata per giustificare le scoppole con Siena e Torino. E invece 12 mesi dopo Petko ha dimostrato con i fatti che non bluffava per niente. Nelle tre amichevoli disputate quest’anno sono stati ben cinque i moduli utilizzati. Si è partiti con il 352, il 451 e il 4231 alternati nel primo match con l’Auronzo per passare al 433 e al 4231 schierati contro il Brasil Team per finire al 343 e al 4231 visti contro il Cadore.

Verso il 4231?
Cinque moduli utilizzati ed uno sempre presente in ciascuno dei tre test: il 4231. Forse solo una coincidenza, o forse un’indicazione che potrebbe essere questo il modulobase per la nuova stagione. È un modulo intrigante e presenta una serie di vantaggi: la presenza del doppio regista BigliaLedesma; la possibilità di utilizzare il maggior numero di centrocampisti offensivi (da Candreva a Lulic, da Hernanes al nuovo arrivato Anderson fino allo stesso Ederson); la conferma della difesa a quattro che – pure quest’anno – sembra la preferita dal gruppo. Certo, è un modulo a trazione anteriore, con tutte le incognite del caso.

La continuità Il 451
utilizzato come modulo base la scorsa stagione non presenta questi rischi. Ma è pure un sistema che, specie nella seconda parte della scorsa stagione, ha mostrato tutti i suoi limiti in fase realizzativa. Petko lo ha riproposto in uno spezzone di gara della prima amichevole. Difficile che ci punti anche quest’anno, l’allenatore potrebbe invece optare su una sua variante: il 352, che consentirebbe di schierare la coppiagol KloseFloccari, così da avere un peso offensivo maggiore.

Tentazione tridente Ma Petko
ha testato pure il 343 e il 433. Due moduli simili con un denominatore comune: il tridente offensivo. E che gli consentirebbero di praticare quel tipo di calcio a lui più congeniale. Soluzioni dispendiose, mapossibili con l’allargamento della rosa e con il sensibile abbassamento dell’età media. Il tridente potrebbe essere leggero (con Candreva e Lulic ai fianchi di Klose, ma anche Anderson ed Ederson) oppure pesante (coi giovani Rozzi, Keita e Tounkara che entrerebbero in ballo oltre a Floccari). Petko studia e continua le prove. Sarà così anche nell’amichevole di domani con lo Spezia. Poi sarà il tempo di tirare le somme.

Gazzetta dello Sport

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy