GDS – Klose dà forfait ma Petkovic..

GDS – Klose dà forfait ma Petkovic..

I sogni passano anche per i contrattempi. E il contrattempo è di quelli che preoccupano: Miro Klose è k.o. È un ricordino della vittoria con l’Atalanta: contrattura ai flessori della coscia sinistra, tanto che ad oggi la sua presenza sabato a Palermo è da escludere. Ieri l’attaccante era a Formello,…

I sogni passano anche per i contrattempi. E il contrattempo è di quelli che preoccupano: Miro Klose è k.o. È un ricordino della vittoria con l’Atalanta: contrattura ai flessori della coscia sinistra, tanto che ad oggi la sua presenza sabato a Palermo è da escludere. Ieri l’attaccante era a Formello, rientrato dopo un giorno di relax a Monaco (e stavolta senza visite dal professor Muller-Wohlfahrt), ma non si è allenato. E così sarà pure oggi: avanti con cautela, anche perché il forfait di Palermo va valutato nell’ottica delle tante partite della Lazio, prima fra tutte la semifinale di Coppa Italia di martedì con la Juve.

L’obiettivo
È un appuntamento che Petkovic ha segnato con il circoletto rosso. Un’altra sfida lanciata alla squadra di Conte, dopo quella in campionato che ha il gusto dell’inatteso. Inatteso secondo posto, inatteso (minimo) distacco dalla Juventus: nessuno si offenda, perché nessuno lo immaginava, la scorsa estate. Neppure Lotito, che al momento di stilare i programmi con Petkovic, nei giorni in cui gli obiettivi di squadra venivano dichiarati, al tecnico di Sarajevo disse tutt’altro. Gli chiese un piazzamento in Europa League, questo c’era nella testa della Lazio. Ovvio che nel discorso si sia toccata anche la qualificazione alla Champions, sfiorata per due campionati di fila, ma l’obiettivo della società era meno ambizioso. E questo non può che aumentare i meriti di Petkovic, rivelazione per tutti: non nel valore per il d.s. Tare, ma di sicuro nei risultati. «I complimenti fanno piacere — ha detto l’allenatore a Lazio style radio —, ma allo stesso tempo sono anche uno stimolo per continuare a crescere. La squadra mi segue, capito pure che azzecco qualche mossa…».

Il Dortmund
Più di qualcuna, visto che ormai i suoi cambi di modulo sono diventati pane quotidiano per i calciatori. Non fanno più notizia. E non può stupire neppure che il lavoro di Petkovic sia apprezzato in giro per l’Europa. Ad esempio, se ne sono accorti al Borussia Dortmund, società che lo tiene in considerazione qualora a fine stagione Jurgen Klopp dovesse partite verso altre destinazioni. E allora forse non è un caso che Lotito abbia già preso in considerazione l’idea di un nuovo contratto per l’allenatore rivelazione. Non è tanto una questione di scadenza — Vlado ha firmato fino al 2014 —, ma più che altro di ingaggio: alla Lazio guadagna 600 mila euro, 13o ingaggio del campionato. Di un campionato che Petkovic sta tenendo aperto. Non gliel’avevano chiesto, si sta portando avanti con il lavoro. «Ma a Palermo sarà durissima — ancora lui —, serviranno testa e cuore. Dovremo sfruttare le loro debolezze per dominare la partita». Ci proverà senza Klose, a caccia di un sogno. Oppure, nella peggiore delle ipotesi, saranno punti buoni per la qualificazione all’Europa League.

Fonte: Gazzetta dello Sport

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy