GDS – Nasce il Klo-Flo

GDS – Nasce il Klo-Flo

Un’eternità per uno come lui abituato a segnare con teutonica puntualità. E’ vero che in questi 50 giorni trascorsi dall’ultimo acuto (quello con l’Inter, il 14 dicembre scorso) Miro Klose ha giocato poco. Prima per la sosta natalizia, poi per l’infortunio muscolare che lo ha costretto a saltare le partite…

Un’eternità per uno come lui abituato a segnare con teutonica puntualità. E’ vero che in questi 50 giorni trascorsi dall’ultimo acuto (quello con l’Inter, il 14 dicembre scorso) Miro Klose ha giocato poco. Prima per la sosta natalizia, poi per l’infortunio muscolare che lo ha costretto a saltare le partite di campionato con Palermo e Chievo e quella di andata di Coppa con la Juve. Ma, pur con un’attenuante grande così, l’astinenza è comunque insopportabile per il Totem biancoceleste.

Nasce il Klo-Flo
Proverà ad interromperla oggi a Marassi, il tedesco. Anche per presentarsi nel migliore dei modi all’appuntamento che lo attende mercoledì prossimo: il match che affronterà con la Germania a Parigi contro la Francia. Potrebbe essere quello dell’aggancio a Gerd Muller nella classifica cannonieri all time della nazionale tedesca. E tornare a segnare con la Lazio sarebbe l’antipasto migliore. Petkovic, peraltro, è già contento che ci sia: che faccia gol oppure no. Senza di lui la Lazio non vince mai. Con lui in campo invece è tutta un’altra musica. E poi a segnare (come successo in Coppa Italia con la Juve) può provvedere pure Floccari. Oggi i due attaccanti saranno contemporaneamente in campo dall’inizio. Candreva è infatti rimasto a Roma per l’influenza e la sua assenza spinge il tecnico a puntare sul 3-5-2. In realtà ci sarebbe anche la possibilità di schierare lo stesso il 3-5-1-1. In questo caso il trequartista sarebbe Mauri e a centrocampo giocherebbe Brocchi con Gonzalez e Ledesma. L’ipotesi più probabile resta comunque quella di vedere a Marassi dall’inizio il nuovo tandem Klo-Flo. A sentirlo suona bene, dovrebbe funzionare pure in campo.

Ecco Pereirinha
A Marassi ci sarà pure l’unico volto nuovo arrivato dal mercato di gennaio. Bruno Pereirinha partirà dalla panchina, pronto però a dare il suo contributo se ci sarà bisogno. «Sto bene, quindi posso anche giocare», ha detto ieri a Formello dove è stato presentato da Igli Tare («avevamo provato a prenderlo già la scorsa estate, è un polivalente che può ricoprire vari ruoli», ha detto il d.s.). Lui, Pereirinha, si è descritto così: «Sono un giocatore veloce e duttile, posso giocare sia da esterno basso sia da esterno alto sulla fascia destra e all’occorrenza pure da interno. Il modulo non sarà un problema per me». Nella sua squadra, lo Sporting Lisbona, ha giocato poco ultimamente. Il motivo lo ha spiegato Vlado Petkovic: «Nel suo club aveva una situazione simile a quella che qui da noi sta vivendo Diakite». Era dunque fuori rosa per non aver rinnovato il contratto in scadenza a giugno. Il suo valore lo potrà ora dimostrare alla Lazio.

Fonte: Gazzetta dello Sport

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy