Gioia Klose: può giocare

Gioia Klose: può giocare

La felicità in un sì. Torna Klose, può correre, potrà giocare il 30 marzo contro il Catania. Sì, ci sarà alla ripresa del campionato. La felicità è tutta qui, nel ritorno di Miro, non c’è notizia migliore. L’ultima visita è andata bene, il tedesco rientrerà in serata da Monaco di…

La felicità in un sì. Torna Klose, può correre, potrà giocare il 30 marzo contro il Catania. Sì, ci sarà alla ripresa del campionato. La felicità è tutta qui, nel ritorno di Miro, non c’è notizia migliore. L’ultima visita è andata bene, il tedesco rientrerà in serata da Monaco di Baviera, ha superato i controlli clinici-strumentali svolti ieri nello studio del professor Wohlfahrt. Klose è guarito, la lesione del legamento collaterale esterno appartiene al passato. Miro tornerà a correre domani, inizierà la fase di riabilitazione in campo. E lunedì prossimo, in assenza di complicanze, si aggregherà ai compagni. L’annuncio l’ha dato Stefano Salvatori, uno dei medici sociali biancocelesti:  «Miro può iniziare a correre
Miro tornerà oggi in Italia e potrà correre. Mauri e Biava acciaccati: subito i controlli- ha detto a Lazio Style Radio –  sarà un lavoro basato sulla corsa settimanale, incrementando l’intensità e con cambi di direzione verso il fine settimana. Se tutto andrà bene come credo, da lunedì potrà impostare il lavoro con la palla per averlo già disponibile per la partita con il Catania» .
IL RILANCIO – La Lazio ritrova Klose, l’uomo del rilancio. La pausa servirà per ricondizionarlo atleticamente, undici giorni basteranno per fargli mettere benzina nelle gambe. Klose punta il Catania, sfrutterà il match coi siciliani per preparare il derby. In quella settimana è prevista anche la gara di andata contro il Fenerbahce, si giocherà in Turchia. Miro tornerà in campo, ma non potrà essere spremuto, bisognerà gestirlo con cautela, il compito spetta a Petkovic e al suo staff. Klose tornerà a correre nelle prossime ore, sarà un piacere rivederlo all’opera. E’ mancato tantissimo, senza di lui in campionato è stata vinta una sola partita, contro il Pescara all’Olimpico. Vlado riabbraccerà il suo campione, utilizzerà la pausa per rimettere in sesto gli acciaccati. A Torino è stato risparmiato Dias, era reduce da problemi muscolari. E’ rimasto a casa per precauzione, oggi dovrebbe tornare a lavorare in gruppo. Serviranno due settimane piene a Floccari, forse qualcosa in più, per tornare in campo. Sergio s’è fermato per uno stiramento, nel pomeriggio continuerà a svolgere un lavoro fisioterapico, potrebbe effettuare anche un lavoro atletico blando. In infermeria rimangono Konko e Brocchi: il francese spera di tornare in corsa a metà aprile (martedì 26 marzo il prossimo controllo), il mediano sogna di partecipare alla finale di Coppa Italia.

BIAVA E MAURI – Sono da valutare le condizioni di Biava e Mauri, si recheranno stamane in Paideia. Il dottor Salvatori ha fatto il punto sulle loro condizioni:  «La partita di Torino è stata un po’ particolare per il terreno di gioco e il clima, non hanno favorito l’ingresso in campo di alcuni atleti. Biava ha un problema all’articolazione dell’anca, se la porta dietro da tempo, faremo altri approfondimenti per stabilire un lavoro fisico e terapeutico al fine di ridarlo con più continuità al resto del gruppo. Mauri era reduce da un infortunio alla caviglia destra, ha creato una problematica di sovraccarico posturale in altre zone, abbiamo preferito non rischiarlo. Sfrutterà la sosta per recuperare» . Biava e Mauri non erano al top a Torino, il difensore è entrato nel finale, il capitano è rimasto seduto in panchina. Petkovic si augura di averli in forma alla ripresa, la Lazio deve recuperare la maggior parte dei suoi leader, dei suoi big.

IL PROGRAMMA – La squadra si ritroverà a Formello alle 17, domani e dopodomani effettuerà due sedute di lavoro, una sola nella giornata di venerdì. Sabato e domenica riposo, il rientro nel quartier generale avverrà lunedì. Da lì partirà la corsa verso il nuovo tour de force: nel giro di due settimane i biancocelesti affronteranno il Catania (30 marzo), il Fenerbahce due volte (4 e 11 aprile), il derby (8 aprile) e la Juventus (15 aprile). Con un Klose in più.

Il Corriere dello Sport

Cittaceleste

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy