Gonzalez salta il Siena

Gonzalez salta il Siena

NAPOLI – Gonzalez salta anche il Siena ed è a rischio per il Maribor. Brocchi vede la luce, Radu spera di rientrare dopo la sosta di ottobre, Diakitè è sempre a metà del guado: il ricondizionamento atletico e il caso contratto. Petkovic da domenica ha dato il via al turnover,…

NAPOLI – Gonzalez salta anche il Siena ed è a rischio per il Maribor. Brocchi vede la luce, Radu spera di rientrare dopo la sosta di ottobre, Diakitè è sempre a metà del guado: il ricondizionamento atletico e il caso contratto. Petkovic da domenica ha dato il via al turnover, una giostra che presto coinvolgerà altre pedine. Gli impegni sono multipli e iniziano a farsi sentire, bisognerà stringere i denti sino al 7 ottobre, domenica di Pescara-Lazio. Ci sono altre tre partite da giocare, le prime due in casa (col Siena domenica prossima e col Maribor giovedì in Europa), la terza in Abruzzo, poi il nuovo stop, la seconda pausa delBrocchi torna dopo la sosta: il sogno è andare in panchina contro il suo Milan Spera pure Radu campionato. Poi arriveranno i rinforzi.

GONZALEZ  – Le preoccupazioni riguardano Alvaro Gonzalez, ha accusato un problema agli adduttori della coscia destra, c’è il sospetto che si sia stirato. Da Formello martedì filtrava ottimismo, in realtà è stata riscontrata una piccola lesione muscolare. Gonzalez s’è fatto male lunedì, ha saltato la trasferta di Napoli, ieri era in programma un provino a Formello, ma sarà il controllo odierno a chiarire meglio il suo stato di forma. Gonzalez, a meno di sorprese, non ci sarà col Siena ed è tutta da valutare la sua disponibilità per il match europeo di giovedì prossimo. Petkovic si augura di recuperarlo al più presto, è preziosissimo per il suo gioco, garantisce affidabilità quando parte titolare, è un ricambio d’oro quando inizia dalla panchina. Con le lesioni muscolari non si può scherzare, per uno stiramento di primo grado possono servire dieci giorni di stop.

BROCCHI  – Brocchi corre nel futuro: l’ex milanista non è ancora rientrato stabilmente in gruppo, ma conta di farlo entro 15 giorni. I miglioramenti sono continui, da tempo ha iniziato a lavorare con le scarpette chiodate e martedì ha preso parte alla partitella tattica. Cristian ha ricominciato a giocare con cautela, ha incrementato i carichi di lavoro, intensificherà sempre più gli sforzi. Ha voglia di tornare, gli mancano le partite ufficiali, sfrutterà la pausa di ottobre per entrare in forma. Brocchi sogna la chiamata di Petkovic, non ci sono certezze dopo un’inattività così lunga, i tempi di rientro saranno decisi con precisione nel corso delle prossime tre settimane. Lui vorrebbe accomodarsi in panchina sabato 20 ottobre, giorno di Lazio-Milan, è la sua partita. La speranza può diventare concreta.

RADU  – Culla speranze anche Stefan Radu, ma non può ancora gridare  hurrà . Da un paio di giorni ha iniziato a svolgere un lavoro personalizzato per risolvere i problemi posturali che gli causano continui guai muscolari. Seguirà una tabella di marcia specifica per 10-15 giorni, sfrutterà lo stop del campionato per riabilitarsi. Radu è fermo da sei mesi: prima l’infortunio al ginocchio destro, poi il doppio infortunio muscolare. S’era fatto male dopo l’amichevole col Malmoe e prima del match di ritorno col Mura, lo staff tecnico e lo staff medico hanno preferito fermarlo per rimetterlo in sesto una volta per tutte. A breve dovrebbe tornare in gruppo Diakitè, sta completando un protocollo riabilitativo, aveva un deficit muscolare tra la gamba destra e quella sinistra. Ha lavorato in palestra, sta risolvendo i problemi fisici, non ha ancora risolto quelli contrattuali, possono gravare sul futuro.

fonte: CdS

Simone Davide

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy