Hernanes, prendi la mira

Hernanes, prendi la mira

Caro Profeta, pensaci tu. Quattro gol al Chievo in cinque partite. Colpi, magie, doppiette, invenzioni, si scatena quando vede gialloblù. Ci pensi Hernanes, sa come far male ai veronesi. Quattro gol sono tanti e possono diventare di più, la collezione va impreziosita. Il Profeta è l’incubo del Chievo, gli ha…

Caro Profeta, pensaci tu. Quattro gol al Chievo in cinque partite. Colpi, magie, doppiette, invenzioni, si scatena quando vede gialloblù. Ci pensi Hernanes, sa come far male ai veronesi. Quattro gol sono tanti e possono diventare di più, la collezione va impreziosita. Il Profeta è l’incubo del Chievo, gli ha segnato quasi sempre. Una rete l’ha firmata il 6 febbraio 2011 (Lazio-Chievo 1-1), un’altra il 29 gennaio 2012 (Chievo-Lazio 0-3). E due pappine gliele ha rifilate nel match di andata, il 16 settembre scorso (Chievo-Lazio 1-3). Hernanes prende la mira, lo slogan è scontato. Gli viene naturale, può essere la sua domenica. Ha iniziato il 2013 segnando al Catania in Coppa Italia (fu doppietta) e al Palermo (il rigore del 2-2), non è tipo che si accontenta. E’ fresco di convocazione in Nazionale, il 6 febbraio giocherà col Brasile a Londra, affronterà l’Inghilterra in amichevole. Scolari ha puntato subito su di lui, vuole provarlo: «Voglio restare nel gruppo» , ha detto nei giorni scorsi il brasiliano. Sfrutterà l’occasione a meno di due anni dal Mondiale, si giocherà nel suo Paese, vuole esserci.

IL RECORD – Hernanes ha tanti sogni, il 2013 dev’essere il suo anno. A breve diventerà padre per la terza volta, vuole conquistare la Champions con la Lazio, vuole consacrarsi con il Brasile. In serie A ormai lo conoscono, è uno dei calciatori più decisivi insieme a Di Natale. Hanno regalato tantissimi punti alle rispettive squadre con le loro prodezze, ben 16, nessuno s’è espresso su questi livelli. Hernanes è una certezza, è rinato nel nuovo ruolo, è diventato il padrone del centrocampo. E non ha smesso di segnare, è a quota 11 reti (otto in campionato, una in Europa League, 2 in Coppa Italia). Insegue vari record, può centrarli.

LE OFFERTE – La Lazio se lo tiene stretto. I rumors di mercato arrivano da ogni parte d’Europa, l’ultimo è targato Ucraina. Lo Shakhtar Donetsk sarebbe pronto a investire 24 milioni di euro per strappare il brasiliano ai biancocelesti, progetta l’assalto in estate. E’ tutto da verificare, ma Lotito da giorni ribadisce il concetto: «Cessione di Hernanes? E dove? Chi l’ha detto? Noi compriamo, non vendiamo. Se vendiamo è perché ci viene chiesto dal giocatore e comunque compriamo il meglio per sostituire eventuali partenti, è la nostra filosofia» , ha detto questo ieri il presidente. Il contratto di Hernanes (scadenza 2015) va rinnovato, c’è stato un incontro iniziale nei mesi scorsi, il prossimo è previsto entro la fine dell’annata in corso. La Lazio proporrà un accordo più lungo e più ricco, bisognerà trovare l’intesa economica. Il Profeta è cresciuto tanto, è arrivato nel 2010, vive la terza stagione biancoceleste. La serie A l’ha consacrato, il suo valore è cresciuto. La Lazio non vuole privarsi dei gioielli, dei suoi campioni, degli uomini decisivi. Devono essere i primi acquisti del futuro.

Il Corriere dello Sport

Cittaceleste

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy