• SUL CAN. 669 DELLA TUA TELEVISIONE TROVI CITTACELESTE TV - 24 ORE AL GIORNO, IN DIRETTA, PER PARLARTI DI LAZIO!

Il centrocampo in forma Mondiale

Il centrocampo in forma Mondiale

Hernanes non c’è più, lo ha acquistato l’Inter e lo ritroveremo in Brasile, primo cambio in mezzo del ct Scolari. Manca solo Ledesma, sedotto e abbandonato da Prandelli, appena una presenza (45 minuti) tre anni fa e poi addio, chissà perché senza prove d’appello. Ma tutto il centrocampo della Lazio…

di redazionecittaceleste

Hernanes non c’è più, lo ha acquistato l’Inter e lo ritroveremo in Brasile, primo cambio in mezzo del ct Scolari. Manca solo Ledesma, sedotto e abbandonato da Prandelli, appena una presenza (45 minuti) tre anni fa e poi addio, chissà perché senza prove d’appello. Ma tutto il centrocampo della Lazio sta correndo verso il Mondiale e questo può essere un motivo di soddisfazione e di speranza per Reja. La volata per l’Europa League si sta trasformando nel trampolino di lancio ideale per i suoi big. Il discorso vale anche per Klose, costretto a superare un altro infortunio prima dell’appuntamento più importante della sua carriera. Ha recuperato in fretta, darà una mano ai biancocelesti nelle ultime tre giornate di campionato. Edy s’è tenuto in quota grazie alle prodezze di Antonio Candreva, sempre più goleador. Ma non c’è solo lui. Onazi ha ritrovato spazio, Gonzalez s’è appena ripreso, Biglia sta finendo in crescendo, Lulic ha segnato quasi quanto Candreva. C’è un reparto intero che sta sostenendo la Lazio, meno solida in difesa e con poche munizioni davanti.

 

Gli altri Il ct Susic ha appena provato a chiedere Lulic e Pjanic in anticipo di tre giorni, vorrebbe la nazionale bosniaca al completo il 15 maggio. Impresa ardua, perché il campionato italiano si conclude domenica 18 e la Lazio conta di essere ancora in corsa all’ultima giornata, quando affronterà il Bologna. Per la Bosnia è l’appuntamento con la storia, perché si tratta della prima partecipazione al Mondiale. Lulic è uno dei perni della squadra, copre la fascia sinistra, con la maglia biancoceleste ha appena stabilito il record personale di gol (6) nel campionato italiano. Il ct Tabarez ha sempre considerato nei 23 una certezza come Alvaro Gonzalez, campione d’America due anni fa. Eddy Onazi, campione d’Africa con la Nigeria, si tuffa verso il suo primo Mondiale con la voglia di crescere ancora accanto al suo idolo Obi Mikel, centrocampista del Chelsea.

Biglia
Il campionato italiano e la Lazio hanno dato una spinta decisiva anche all’argentino, che deve ringraziare Reja, molto più di Petkovic, se verrà convocato, come appare ormai sicuro, nella Seleccion. Il ct Sabella lunedì prossimo prenderà posto allo stadio Olimpico per assistere alla partita con il Verona e lo considera la principale alternativa a Mascherano sulla linea mediana. La presenza di Hernanes aveva reso ancora più complicata la convivenza di Ledesma e Biglia, che non sono affatto incompatibili. Reja ha spostato di 10-20 metri Lucas e gli ha consegnato il ruolo di mezz’ala sinistra. E’ un tessitore di gioco, sempre presente nel fraseggio, vicino alla palla e ai compagni. Gioca corto e accompagna l’azione, si integra benissimo con Ledesma, playmaker statico davanti alla difesa.

Corriere dello Sport

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy