Il Dortmund pensa a Petkovic..

Il Dortmund pensa a Petkovic..

Quando nella scorsa estate la dirigenza tirò fuori dal cilindro il nome di Vladimir Petkovic furono molti a storcere il naso. Le prestazioni della Lazio hanno però zittito tutti. Il tecnico bosniaco ha dimostrato idee e coraggio a esercitarle in campo. Duttilità tattica ed elasticità di pensiero che gli hanno…

Quando nella scorsa estate la dirigenza tirò fuori dal cilindro il nome di Vladimir Petkovic furono molti a storcere il naso. Le prestazioni della Lazio hanno però zittito tutti. Il tecnico bosniaco ha dimostrato idee e coraggio a esercitarle in campo. Duttilità tattica ed elasticità di pensiero che gli hanno permesso di correggere il tiro in corsa e raggiungere risultati anche quando le giornate non sembravano delle migliori. Il secondo posto in campionato, la semifinale in Coppa Italia e lo scoppiettante cammino in Europa League (girone concluso al primo posto) hanno – com’è normale che sia – portato le luci dei riflettori sul suo lavoro. E non solo in Italia, anche in Europa. Soprattutto dalla Bundesliga sembrano alzarsi gli interessi su di lui. In particolare il Borussia Dortmund si starebbe guardando intorno nel caso Jurgen Klopp, vincitore di due campionati consecutivi, decidesse di fare le valigie. E le offerte (Madrid) non mancano.

LA STRATEGIA LAZIALE – Chi lo conosce bene è pronto a giurare che Petkovic non si farà distrarre dalle voci di mercato che lo riguardano. Sarà sempre più difficile però cercare di tener nascoste le sue imprese biancocelesti. Con la Lazio ha un contratto fino al 2014, ma la società intende prolungare l’accordo fino al 2016 anche con un adeguamento economico. Sarà opportuno che tutto ciò si faccia in fretta, perché lo sbarco di Guardiola al Bayern Monaco potrebbe innescare una girandola di panchine, nella quale tutti i tifosi biancocelesti sperano che non finisca coinvolto anche Petkovic.

Il Corriere dello Sport

Cittaceleste

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy