IL MESSAGGERO – È la rabbia l’arma di Reja

IL MESSAGGERO – È la rabbia l’arma di Reja

IL MESSAGGERO ROMA Fuori dalle Coppe la stagione della Lazio rischia di diventare senza sale sulla coda. Difficile trovare degli stimoli forti per chiudere in bellezza una stagione deludente, perciò toccherà a Reja motivare un gruppo uscito demoralizzato dalla gara di Sofia. Ci sono ancora due mesi per tentare di…

IL MESSAGGERO

ROMA Fuori dalle Coppe la stagione della Lazio rischia di diventare senza sale sulla coda. Difficile trovare degli stimoli forti per chiudere in bellezza una stagione deludente, perciò toccherà a Reja motivare un gruppo uscito demoralizzato dalla gara di Sofia. Ci sono ancora due mesi per tentare di raggiungere un piazzamento Uefa, complicato ma non impossibile, per una squadra che, sotto la gestione dell’allenatore goriziano, ha trovato un passo importante in campionato. Seppure tra alti e bassi.

NUOVE MOTIVAZIONI
La volontà di migliorare un anonimo decimo posto in classifica dovrà rappresentare la prima grande motivazione per i biancocelesti, l’obiettivo europeo, il desiderio di conferma per molti calciatori il cui futuro è in bilico. Sono tutte situazioni dalle quali ripartire, perché il campionato va onorato al meglio fino in fondo. Poi ci sarà il momento dei bilanci, delle valutazioni e delle decisioni importanti: ognuno dovrà farsi carico delle rispettive responsabilità di questa stagione senza gloria. Reja tenta di scuotere lo spogliatoio. «Bisogna trasformare in energia positiva la rabbia per l’eliminazione contro il Ludogorets. Da quando sono arrivato abbiamo fatto due punti a partita, di questo passo possiamo ancora conquistare Europa, guai a mollare in questo momento. La Fiorentina è un avversario forte, di qualità, guidato da un ottimo allenatore, che stimo tantissimo: per fare risultato servirà una prova importante da parte di tutti».

CAMBIO DI MODULO
L’ennesimo forfait, per guai fisici, di Konko costringerà il tecnico a tornare alla difesa a 3. «Cambiare è una necessità quando non posso disporre degli elementi adatti per proseguire con il solito assetto tattico». Ma il problema più delicato è legato a Federico Marchetti. Il portiere, dopo la serataccia di Sofia, rischia il posto. Ma sarebbe un grave errore metterlo fuori adesso, perché il ragazzo potrebbe avere un pesantissimo contraccolpo psicologico. Reja pensa al ritorno di Berisha, però è indeciso. «E’ una scelta che effettuerò soltanto prima della gara, siamo vicini a Marchetti perché un incidente di percorso può anche capitare». Portiere a parte, è l’intera difesa, priva anche di Dias, a non fornire garanzie, a causa delle troppe amnesie che hanno caratterizzato le ultime prestazioni, come nelle trasferte di Catania e in Bulgaria: 6 gol complessivi incassati». Il giovane Keita, tra i migliori in Bulgaria, dovrebbe tornare in panchina: un peccato perché questi 2 mesi che restano potrebbero servire per valorizzare al meglio i giovani interessanti. «Nella ripresa di giovedì mi ha deluso, in quanto è calato parecchio, mi aspettavo di più».

L’ARBITRO
Klose tornerà in campo dal primo minuto, alla caccia del terzo gol consecutivo, e potrebbe dar vita a una sfida affascinante, tutta tedesca e anche in chiave nazionale, qualora Montella decidesse di impiegare l’ormai recuperato Gomez. Fari puntati sull’arbitro Banti. La Fiorentina, dopo i recenti torti subiti, ha fatto la voce grossa e qualche laziale teme compensazioni. Reja comunque è fiducioso. «Non mi pare giusto pensare diversamente. Non credo che Banti si lascerà condizionare, l’importante è che sia sereno. A fine incontro faremo le valutazioni sul suo operato». La corsa all’Europa è apertissima e vede coinvolte diverse squadre: la Lazio dovrà dare un segnale forte per restare nel gruppetto che lotta per 2 posti.

Gabriele De Bari

LE PANCHINE
Panchina Fiorentina: 25 Rosati, 12 Lupatelli, 4 Roncaglia, 5 Compper, 21 Ambrosini, 27 Wolski, 17 Joaquin, 30 Matos, 33 Gomez. All.: Montella (squalificato, andrà in panchina il vice Russo).

Panchina Lazio: 1 Berisha, 29 Konko, 17 Pereirinha, 27 Cana, 2 Ciani, 23 Onazi, 15 Gonzalez, 7 Felipe Anderson, 21 Kakuta, 14 Keita, 34 Perea. All.: Reja

Arbitro: Banti di Livorno.
Tv: ore 20.45 Sky Calcio 2, Premium Calcio 2

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy