IL MESSAGGERO – Klose, schiena a pezzi «Ma non smetto»

IL MESSAGGERO – Klose, schiena a pezzi «Ma non smetto»

IL MESSAGGERO Assente a Genova, in dubbio col Parma. Ci risiamo: Klose a pezzi nel rush finale della stagione. Schiena piegata, oggi farà ancora cure fisioterapiche, domani spera di riaggregarsi al gruppo. La Lazio resta sempre appesa al panzer. E lui non molla: «Sto bene, non è ancora il momento…

IL MESSAGGERO

Assente a Genova, in dubbio col Parma. Ci risiamo: Klose a pezzi nel rush finale della stagione. Schiena piegata, oggi farà ancora cure fisioterapiche, domani spera di riaggregarsi al gruppo. La Lazio resta sempre appesa al panzer. E lui non molla: «Sto bene, non è ancora il momento di smettere. Quando sarò un peso, mi farò da parte», assicura in Germania. Eppure a Roma continuano i mugugni su suoi ripetuti forfait. Si sa, qui, un giorno sei un Dio, un altro un bidone: «Non c’è distanza fra giocatori e tifosi biancocelesti. E’ la normalità ricevere abbracci per strada, persino che un postino s’inginocchi a baciarti un piede dopo il derby», spiega il tedesco. Il lato brutto della medaglia: quando le cose non vanno, il clima s’esaspera all’inverosimile. Così la bufera inghiotte pure il “Mito”: «Il mio grande obiettivo è il prossimo mondiale», ribadisce. E già ironizzano i laziali: «Allora domenica ditegli che si gioca all’Olimpico un’amichevole della Germania». Si sa mai che la schiena, come per incanto, torni una roccia.

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy