IL TEMPO – Continua il balletto sul derby di Coppa

IL TEMPO – Continua il balletto sul derby di Coppa

Il caos è completo. Tra le diverse ipotesi avanzate per trovare una collocazione al derby Roma-Lazio, finale della Coppa Italia 2013, mancava solo il posticipo a lunedì 27 maggio, ore 21. Un’idea messa sul piatto dal sindaco della Capitale Gianni Alemanno per evitare sovrapposizioni con le elezioni comunali e distrarre…

Il caos è completo. Tra le diverse ipotesi avanzate per trovare una collocazione al derby Roma-Lazio, finale della Coppa Italia 2013, mancava solo il posticipo a lunedì 27 maggio, ore 21. Un’idea messa sul piatto dal sindaco della Capitale Gianni Alemanno per evitare sovrapposizioni con le elezioni comunali e distrarre i romani dal voto (le urne resteranno aperte domenica 26 e lunedì 27 fino alle 15), ma impossibile da realizzare. Anche perché l’orario serale non è gradito al Prefetto, chiamato a decidere nella giornata di domani.
E se la finale deve disputarsi di pomeriggio, allora la domenica è ipotesi migliore per la Lega di serie A, le società e soprattutto televisione la Rai. In attesa della decisione del Prefetto, anche gli allenatori di Roma e Lazio hanno espresso la propria opinione. «Io non trovo affatto normale che ancora non si siano decisi data e orario – ha osservato Petkovic – il giorno e il luogo della finale si conoscevano da tempo, così come la concomitanza delle elezioni: serve maggiore chiarezza e le due società non c’entrano nulla». «Sono d’accordo con Petkovic – ha ribattuto da Trigoria Andreazzoli – e se non siamo capaci di organizzare al meglio un giorno memorabile per tutta la città perdiamo un’occasione grande, di interesse planetario. Il problema dell’ordine pubblico non riguarda le società ma l’esterno dello stadio, se uno si porta dietro le lame cosa ci puoi fare? Anche giocarlo alle 7 del mattino non cambierebbe nulla».
E mentre i due club ancora fanno i calcoli su quanto si guadagnerebbe spostando il derby a Pechino (ma ormai è troppo tardi per organizzare la «fuga»), la Roma attende sempre per domani l’ufficialità dell’anticipo alle 18 per motivi di sicurezza della prossima trasferta di sabato 4 maggio con la Fiorentina. Il Prefetto di Firenze ha deciso, la Lega, pressata da Sky e Mediaset, deve ancora ridefinire il calendario. Se, come sembra, anticipo sarà, la Roma rientrerà in treno dalla Toscana dopo la gara.

FONTE: (Il Tempo)


0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy