In Germania:”Miro, un esempio”

In Germania:”Miro, un esempio”

BERLINO – Fieri, anzi fierissimi di Miroslav Klose. In Germania l’autodenuncia del colpo di mano del bomber laziale a Napoli è diventata una gloria nazionale, per l’importanza sportiva del gesto, ma anche per il suo valore esemplare nei confronti degli inguaribili furbastri della Bundesliga. La Bild ieri ci ha costruito…

BERLINO – Fieri, anzi fierissimi di Miroslav Klose. In Germania l’autodenuncia del colpo di mano del bomber laziale a Napoli è diventata una gloria nazionale, per l’importanza sportiva del gesto, ma anche per il suo valore esemplare nei confronti degli inguaribili furbastri della Bundesliga. La Bild ieri ci ha costruito sopra un’intera pagina dell’edizione nazionale. Titolo (stampato in italiano): “Bravo Miro!”. Con l’auspicio che la lealtà di Klose faccia scuola di riflesso anche nel massimo campionato tedesco. Ce ne sarebbe bisogno, a giudicare dal comportamento sleale di Ivo Ilicevic messo all’indice dalla Bild come l’anti-Klose. Sabato, a Moenchengladbach, il centrocampista croato dell’Amburgo ha simulato di avere subito un fallo da parte di Martin Stranzl dello Stoccarda. L’arbitro internazionale Deniz Aytekin (reduce dall’Inter in Europa League) c’è cascato e Stranzl è stato espulso ingiustamente. Lo Stoccarda ha comunque salvato il 2-2.  «Ci saremmo augurati da Ilicevic più sincerità, come nel caso di Klose» commenta la Bild. I cascatori alla Ilicevic sono tutt’altro che una rarità in Bundesliga. Klose si è sempre distinto sul fronte opposto. La stampa lo definisce “un recidivo del fair play”. Nel 2005 Miro fu premiato come il giocatore più leale dell’anno per avere rinunciato ad un calcio di rigore a proprio favore, dopo avere spiegato all’arbitro che nell’uscita del portiere avversario su di lui non c’era stato alcun fallo.

Il Corriere dello Sport

Cittaceleste

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy