Klose a rischio,c’è Kozak

Klose a rischio,c’è Kozak

Ederson convocato, una buona notizia, andrà in panchina. Ma c’è Klose a rischio ed è pronto Kozak, il cecchino che ha schienato il Mura giovedì sera. Miro s’è fermato, ha accusato una contrattura alla schiena. Ieri non si è allenato, ha svolto una seduta fisioterapica. E’ stato convocato, vuole giocare,…

Ederson convocato, una buona notizia, andrà in panchina. Ma c’è Klose a rischio ed è pronto Kozak, il cecchino che ha schienato il Mura giovedì sera. Miro s’è fermato, ha accusato una contrattura alla schiena. Ieri non si è allenato, ha svolto una seduta fisioterapica. E’ stato convocato, vuole giocare, effettuerà un test stamane e Petkovic prenderà una decisione. Klose si sarebbe fatto male giovedì all’Olimpico effettuando dei balzi nell’allenamento svolto allo stadio (non ha giocato contro gli sloveni).
Miro effettuerà un test stamattina, venerdì si è fatto controllare in Germania. Ieri non si è allenatoNella giornata di venerdì è partito con destinazione Germania, si è fatto controllare e trattare dal medico tedesco che lo segue da anni ed è rientrato a Roma. Klose vuole rialzarsi per non lasciare sola la Lazio e per non perdere l’occasione di giocare in Nazionale: il cittì Loew l’ha convocato per le due gare di qualificazione ai Mondiali 2014 contro le Far Oer (7 settembre) e l’Austria (11 settembre). Miro è l’unico attaccante di ruolo scelto dal selezionatore.

KOZAK – Klose in dubbio, scalpita Kozak. Si è scatenato nel match di ritorno contro il Mura, ha siglato una bella doppietta, non è stato venduto e ora sogna una maglia da titolare in campionato. Petkovic ha provato lui nei test svolti ieri pomeriggio a Formello. Non s’è trattato di un allenamento tattico, ma dalla disposizione dei giocatori s’è potuto tracciare l’undici che affronterà il Palermo. Il modulo sarà il 4-1-4-1, in difesa sarà confermata la coppia Biava-Dias, il debutto di Ciani è rinviato (andrà in panchina). Il tecnico ha spiegato il motivo:  «Ciani è arrivato da poco, non è pienamente integrato, è ancora un po’ timido nel gruppo ed è normale che sia così. Avrà le sue possibilità, gli altri due ( Biava e Dias, ndi)  hanno fatto benissimo finora, deciderò con serenità ». La decisione è presa, Ciani sfrutterà le amichevoli che si disputeranno durante la pausa del campionato per assimilare gli schemi. Biava e Dias stanno andando bene, saranno affiancati da Konko e Lulic sulle fasce di destra e sinistra. Nelle tre gare ufficiali giocate sinora la difesa ha incassato solo una rete. Nel 4-1-4-1 tornerà Ledesma (ha riposato in Europa), farà da perno davanti alla retroguardia.
Rinviato il debutto di Ciani, in difesa ancora Biava-Dias Ederson convocato Diakitè ancora fuoriSarà confermato il quartetto di Bergamo, quello formato da Mauri, Gonzalez, Hernanes e Candreva.

I CONVOCATI – Petkovic ha convocato 22 uomini, è rimasto ancora fuori Diakitè. E’ guarito, pesa il caso contratto, il tecnico però vuole puntarci, la decisione ufficiale sarà presa in settimana. Nella lista c’è Ederson, il brasiliano sta meglio, potrebbe esordire in corsa, deve trovare la migliore condizione fisica. Vlado ieri ha allenato la squadra alle 18, prima di far scendere i giocatori in campo ha preferito riunirli, ha parlato al gruppo per 20 minuti, è stata la prima lezione tattica anti-Palermo:  «Ho preferito parlare poco dopo la vittoria contro il Mura, era importante tornare subito nella realtà. Ho deciso di rinviare anche le analisi tattiche legate all’avversario, dovevamo riposare fisicamente e mentalmente» , ha spiegato il tecnico. Non vuole sentire parlare di pronostici, si aspetta conferme dopo l’esordio vincente di Bergamo. La crescita della Lazio è sotto gli occhi di tutti, la squadra è organizzata, gioca, fa un pressing asfissiante, è un piacere vederla attaccare. Ma siamo solo all’inizio:  «Servono 6-10 gare per determinare il valore delle squadre. Una o due partite puoi giocarle bene, ci vuole continuità di rendimento. E’ presto, ora è inutile dare giudizi, lasciamo che il tempo scorra» , ha puntualizzato Petkovic in conferenza stampa. In Europa, quando si giocheranno le gare casalinghe, farà allenare la squadra all’Olimpico. E’ un esperimento che potrebbe replicare in campionato:  «In Europa sarà una costante, è una bella possibilità allenarsi dove giochi anche il campionato» . E’ tornato sul sorteggio europeo, il gruppo J è  «di ferro, meglio così, le motivazioni non mancheranno. Il Tottenham, il Panathinaikos e il Maribor sono tre ottime squadre, tirano interesse, questo è molto importante per la società sotto il profilo finanziario. Sul piano sportivo possiamo dire la nostra, con gli inglesi e i greci ci giocheremo i primi due posti del girone» .

Il Corriere dello Sport

Cittaceleste

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy