Klose corre verso i 200 goal

Klose corre verso i 200 goal

Miroslav Klose è la star della Lazio. Il panzer, dopo aver salutato con qualche polemica la Bundesliga, sta vivendo in biancoceleste la seconda giovinezza calcistica. Professionista esemplare, tirato a lucido a dispetto dei 34 anni, ha preso ancora per mano la squadra risultando decisivo nelle 2 vittorie che hanno aperto…

Miroslav Klose è la star della Lazio. Il panzer, dopo aver salutato con qualche polemica la Bundesliga, sta vivendo in biancoceleste la seconda giovinezza calcistica. Professionista esemplare, tirato a lucido a dispetto dei 34 anni, ha preso ancora per mano la squadra risultando decisivo nelle 2 vittorie che hanno aperto il campionato. Goleador, elemento di maggior caratura internazionale, uomo guida del gruppo, Klose interpreta bene il ruolo di leader. Il fuoriclasse tedesco, oltre a finalizzare al meglio tutto il lavoro del gruppo, riesce a mettersi spesso al servizio della squadra. Insomma, segna e fa segnare ed è sempre molto complicato da marcare. Uno spauracchio per le difese avversarie. La partecipazione agli Europei non gli ha consentito di partecipare alla prima fase del ritiro di Auronzo, insieme ai compagni. Ma questo non gli ha, però, impedito di arrivare in condizioni smaglianti al via del torneo. Solo un calciatore di assoluto spessore, fisico e mentale, riesce a ottenere un simile risultato.
L’attaccante è diventato il beniamino dell’Olimpico, il calciatore che riesce a esaltare il pubblico con giocate raffinate e reti d’autore. La seconda realizzata al Palermo ha scatenato l’entusiasmo dei tifosi e Petkovic ha voluto premiarlo regalandogli l’ovazione generale, quando l’ha sostituito a pochi minuti dal termine. Inoltre, il nuovo allenatore, proprio per sfruttare al meglio le risorse tecniche e acrobatiche del panzer, ha valorizzato il gioco sulle fasce. Da Konko, Lulic, Gonzalez, Candreva devono arrivare tanti cross per la punta così come è accaduto nella gara contro i siciliani. Klose, nell’area di rigore, è un totem che cattura una quantità di palloni, sia di testa, che non i piedi, perché riesce a leggere, meglio di tutti, le situazioni pericolose. Soprattutto sui palloni alti è praticamente imbattibile, non tanto per la statura, quanto per la straordinaria scelta di tempo che dimostra in ogni occasione e che ne fa un autentico specialista.

Si è prefisso di giocare anche i Mondiale del 2014, quelli in Brasile. Conoscendone la professionalità e l’ostinazione mentale, nel centrare gli obiettivi, il popolo biancoceleste vedrà il campione ancora in prima fila per i prossimi due anni, quando arriverà il momento di dire basta. La Lazio ha bisogno dei gol di Klose, per restare nelle posizioni nobili della classifica, il tedesco ha bisogno della Lazio per conservare il posto in nazionale. Un binomio vincente, destinato a vivere un’altra grande annata. Nello scorso campionato, il primo in Italia, il bomber mise a segno 13 gol senza rigori, nonostante il grave infortunio che gli impedì di disputare la parte finale del torneo. La formazione di Reja pagò quell’assenza pesante con il terzo posto e la mancata qualificazione alla Champions League, che non sarebbe sfuggita con Klose in campo. Ma il traguardo è solo rimandato perché Miroslav crede fortemente a una Lazio nelle prime tre posizioni, ma tutto dipenderà da quanti gol riuscirà a segnare.

Miroslav Klose ha realizzato 169 reti in Bundesliga (Amburgo, Kaiserlslautern, Werder, Bayern), prima di lasciare la Baviera. La media migliore l’ha registrata quando militava nel Werder Brema (0,48 gol a partita). Subito dopo, però, c’è il rendimento nella Lazio, con un quoziente appena inferiore (0,47, con 18 reti in 38 presenze), destinato comunque a lievitare. Lui non lo dichiara apertamente, ma il prossimo traguardo di Klose sarà quello di toccare il tetto di 200 reti in carriera che, per qualsiasi attaccante, rappresenta un momento storico. Con la splendida doppietta firmata contro i rosanero, è salito a quota 187, quindi a meno 13 dalla vetta. Visto come si è presentato, è molto probabile che Klose arrivi a 200 proprio con la maglia della Lazio. Nel campionato italiano, le sue vittime preferite sono Palermo, Fiorentina e Chievo. Alla ripresa, dopo la sosta per gli impegni delle nazionali (la Germania affronterà le Isole Far Oer venerdì 7 e l’Austria martedì 11), la Lazio sarà giocherà proprio a Verona…

fonte: il messaggero

Simone Davide-Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy