SERIE A – Stasera a Napoli con il Panzer..

SERIE A – Stasera a Napoli con il Panzer..

Torna Kaiser Klose, il pescatore di gol, e tutti a Formello si sentono più tranquilli, anche se Petkovic avrebbe bisogno di trovare un’alternativa affidabile al tedesco e continua a lavorare per costruire una Lazio imprevedibile e in grado di mandare a rete più giocatori. Anche l’ex centravanti del Bayern Monaco,…

Torna Kaiser Klose, il pescatore di gol, e tutti a Formello si sentono più tranquilli, anche se Petkovic avrebbe bisogno di trovare un’alternativa affidabile al tedesco e continua a lavorare per costruire una Lazio imprevedibile e in grado di mandare a rete più giocatori. Anche l’ex centravanti del Bayern Monaco, di solito cecchino infallibile, ha qualcosa da farsi perdonare. Un gol mancato a Londra in Europa League a porta vuota e un altro, appena entrato, a un quarto d’ora dalla fine della partita con il Genoa. Klose, già convinto di aver bucato Frey, ha angolato troppo il piatto destro e Borriello, dopo una manciata di minuti, è scappato in contropiede e ha fulminato Marchetti, In biancoceleste un gol ogni 160’ Nello scorso torneo aveva saltato le due gare con gli azzurri spedendo al tappeto la Lazio. Così è arrivato il primo ko della stagione e tutti hanno discusso sulla panchina di Klose, che a 34 anni e con tanti impegni ravvicinati va gestito se si vuole puntare davvero in alto.

NUMERI –  Torna Miro dal primo minuto e c’è aria di gol, anche guardando il suo rendimento. Da quando è arrivato alla Lazio, una sola volta il tedesco è rimasto quattro partite di fila senza segnare. Di solito si è concesso un digiuno lungo due partite e alla terza ha festeggiato.  <i>«Palla a Klose e ci abbracciamo»  recita lo striscione indovinato dai tifosi biancocelesti e Petkovic spera che la tradizione favorevole venga rispettata. Il tedesco non ha segnato a Londra e non è riuscito a sbloccare la partita con il Genoa, sganciato nel finale. Stasera gli toccherebbe trascinare la Lazio, rinforzando le sue medie ragguardevoli. E’ un gigante del gol, segna quanto e più di Cavani. Lo score del tedesco dice 16 gol in 31 presenze per un totale di 2.565 minuti giocati in serie A, alla media di una rete ogni 160’. Il conto, considerando l’Europa League, porta il suo bottino con la maglia biancoceleste a 20 gol in 41 presenze. Di fatto una prodezza ogni due partite.

PRIMA VOLTA –  I difensori del Napoli sono avvertiti, anche perché si ritroveranno per la prima volta a marcare il tedesco. Nel passato campionato Reja fu costretto a giocare tutte e due le sfide con Mazzarri senza Klose. Miroslav saltò la partita d’andata al San Paolo (finita 0-0) a causa di una contusione forte alla tibia riportata pochi giorni prima affrontando l’Olanda con la nazionale. Nella partita di ritorno all’Olimpico (3-1 per la Lazio) era fuori causa da tempo per lo stiramento che gli impedì di partecipare alla volata per la Champions League.

FIFA –  Klose è un punto fermo per la Germania del ct Loew, gli mancano quattro gol per raggiungere il primato di Gerd Muller (68 reti, il bomber più prolifico di sempre della nazionale tedesca) e sogna di giocare da protagonista anche i Mondiali 2014 in Brasile. Intanto è l’unica punta del campionato italiano ad essere entrato nel sondaggio portato avanti dal sito internet della Fifa:  «Chi è il miglior attaccante del mondo?» . Klose è entrato in lista, nelle preferenze degli utenti, accanto a Ibrahimovic, Rooney, Van Persie, Messi, Falcao, Tevez, Dzeko e Aguero. Una compagnia niente male.

FIORI –  Petkovic l’ha definito un leader, un esempio da seguire. Klose, l’attaccante con l’hobby della pesca, ha l’umiltà e la sensibilità dei campioni. Domenica sera all’Olimpico, ha deposto una corona di fiori sotto la Curva Nord per ricordare Christian, il tredicenne di Ponte Lungo, scomparso ieri per colpa di un vaso caduto dal sesto piano di un palazzo lungo la via Appia. Era un tifoso della Lazio e del tedesco. Quella maledetta mattina del 10 settembre era appena rientrato dopo essersi comprato gli stessi scarpini di Klose. Miro ha pronta la dedica.

fonte: CdS

Simone Davide

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy