Klose, doppia missione

Klose, doppia missione

C’è una lacuna da colmare, c’è un percorso da continuare. E allora l’uomo di ghiaccio si libera dei suoi brividi (da influenza) per tornare al suo posto al centro della Lazio. Miro Klose ci sarà questa sera allo Juventus Stadium: è scomparsa la febbre che lo ha tartassato in settimana,…

C’è una lacuna da colmare, c’è un percorso da continuare. E allora l’uomo di ghiaccio si libera dei suoi brividi (da influenza) per tornare al suo posto al centro della Lazio. Miro Klose ci sarà questa sera allo Juventus Stadium: è scomparsa la febbre che lo ha tartassato  in settimana, impedendogli di giocare Olanda-Germania
mercoledì scorso. Ci sarà per la sua prima nello stadio bianconero (l’anno scorso era k.o. per infortunio) e ci sarà con l’obiettivo di realizzare la sua  prima rete alla Juve.

Digiuno Eh sì, perché Klose finora non ha mai bucato i bianconeri. Non che li abbia affrontati tantissime volte, ma neppure pochissime. Quattro sono i precedenti tra il tedesco e  la squadra più scudettata d’Italia. I primi tre in Champions, due volte col Werder e una col Bayern, la quarta con la Lazio l’anno scorso nella gara di andata in campionato. Quattro gare e nessun gol, una media  che stona parecchio con le abitudini
dell’attaccante tedesco. Che, per dire, da quando è alla Lazio, ha giocato 49 partite ufficiali  (oggi, quindi, fa 50) segnando 23 reti: una ogni due partite, insomma.

Buffon è avvisato.  IlGigi nazionale, peraltro, sa già cosa significhi subire un gol da Klose, perché il centravanti della Lazio beffò il portiere della Juve in un Germania-  Italia del febbraio 2011 (era un’amichevole, finì
1-1).

Decollo Unprecedente che funge da monito per Buffon e che viceversa è uno stimolo in più per un Klose che, peraltro, di motivazioni ne ha a sufficienza. Il tedesco ha ribadito dopo il derby che questa Lazio non
può e non deve porsi limiti. E lui di questa Lazio è il leader indiscusso oltre che il giocatore  più forte. L’elemento in grado  di portare per mano i compagni verso lidi inesplorati. L’anno scorso qualcuno mormorava che, in fondo, a Klose  la Lazio interessava, ma non  quanto la nazionale tedesca.  Adesso la situazione  (ammesso che fosse vera) si è capovolta, visto che il tedesco non ha avuto dubbi a giocare il derby pur con qualche linea di febbre e, per la medesima febbre, ha invece rinunciato alla partita della sua nazionale.

Le scelte Il risultato è che, almeno sulla carta, stasera allo Stadium Klose dovrebbe essere carico e riposato. Il  tecnico Petkovic conta ovviamente su di lui per superare l’esame Juve, che la Lazio in campionato non batte da nove anni.Rispetto alla sfida con la Roma l’allenatore perde gli squalificati Lulic  e Mauri. Al loro posto ci saranno Radu e Brocchi che in Serie A non giocano titolari da sette mesi. Davanti, però, Klose ci sarà. Per dare il primo dispiacere alla Juve e far continuare a sognare la Lazio.

La Gazzetta dello Sport

Cittaceleste

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy