Kozak e Floccari, Lazio all’assalto

Kozak e Floccari, Lazio all’assalto

Due punte per tornare a vincere in campionato ed esorcizzare la tradizione negativa di Siena. Vlado Petkovic vuole dare una svolta al cammino della sua Lazio che — in campionato — ultimamente si è fatto incerto (due punti nelle ultime quattro giornate, vittoria che manca da un mese). Se nel…

Due punte per tornare a vincere in campionato ed esorcizzare la tradizione negativa di Siena. Vlado Petkovic vuole dare una svolta al cammino della sua Lazio che — in campionato — ultimamente si è fatto incerto (due punti nelle ultime quattro giornate, vittoria che manca da un mese). Se nel frattempo non ci fossero state le imprese nelle coppe (finale conquistata ai danni della Juve in Coppa Italia e pari a Moenchengladbach in Europa League) non sarebbe azzardato parlare di crisi per la Lazio.

Tradizione negativa
Così non è, ma occorre dare una sterzata al rendimento pure in campionato per restare in zona Champions. Serve tornare a vincere e per riuscire nell’impresa Petkovic vara una Lazio dall’attacco pesante. Floccari e Kozak in campo dal primo minuto dopo l’ottimo secondo tempo (con gol del calabrese e doppietta del ceco) disputato dai due attaccanti giovedì in Germania. Questo per noi è un periodo buono, ma non ottimo — osserva l’allenatore —. Dobbiamo dare una svolta al campionato, prendere i tre punti a Siena diventa fondamentale per noi». E così spazio alle due punte in attacco e spazio ad Hernanes in cabina di regia, per una Lazio decisamente a trazione anteriore. È la ricetta individuata dal tecnico di Sarajevo per tornare a vincere in campionato e per interrompere una tradizione negativa che vuole la Lazio quasi sempre in difficoltà quando gioca a Siena. In otto confronti giocati al Franchi in Serie A la squadra biancoceleste è stata infatti capace di vincere una sola volta, nella stagione 2005-06 (per 3-2). «Non sarà facile — sospira Petko — e non solo per la tradizione negativa, ma anche perché il Siena è una squadra temibile. Dovremo dare il 120 per cento per vincere».

Niente turnover
Sarà più o meno la stessa Lazio schierata nel secondo tempo del match di giovedì al Borussia Park. Anche perché Mauri non ce l’ha fatta a recuperare (contusione a una caviglia) e non è stato neppure convocato. L’unica novità sarà la presenza di Ciani in difesa al posto di Dias. Niente turnover, questo termine non fa parte del vocabolario di Petkovic. «Le grandi squadre si vedono dalla capacità di gestire bene gli impegni ravvicinati. Abbiamo voluto la bicicletta, ora ci tocca pedalare». In ballo c’è quella zona Champions minacciata dal ritorno del Milan. «A sentire certi commenti — punge il tecnico laziale — noi siamo già fuori dalla zona Champions. Si parla solo di altre squadre che evidentemente muovono interessi maggiori. Ma noi andiamo avanti per la nostra strada, convinti delle nostre possibilità».

Il Corriere dello Sport

Cittaceleste

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy