Kozak sulla scia di Falcao

Kozak sulla scia di Falcao

 Ha superato Cavani (7 gol con il Napoli), staccato Palacio (Inter) e Bobadilla (Young Boys), fermi a quota 6 e ormai fuori dal torneo. Ha un vantaggio di tre reti su Rondon (Rubin Kazan) e di quattro su Defoe (Tottenham) e Streller (Basilea) che si elimineranno nel confronto diretto dei…

 Ha superato Cavani (7 gol con il Napoli), staccato Palacio (Inter) e Bobadilla (Young Boys), fermi a quota 6 e ormai fuori dal torneo. Ha un vantaggio di tre reti su Rondon (Rubin Kazan) e di quattro su Defoe (Tottenham) e Streller (Basilea) che si elimineranno nel confronto diretto dei quarti. Segnare anche stasera a Istanbul significherebbe un gol pesantissimo per Libor Kozak e per la Lazio. Petkovic potrebbe mettere l’ipoteca sull’ingresso alle semifinali e il centravanti ceco farebbe un passo decisivo verso il trono dei bomber di Europa League, detenuto per due stagioni di fila dal colombiano Radamel Falcao, centravanti dell’Atletico Madrid e in precedenza del Porto, un grandissimo del calcio mondiale. Libor guida la classifica dei marcatori con 8 gol a partire dalla fase a gironi, sarebbero 10 se l’Uefa considerasse anche i preliminari. L’avventura di Kozak cominciò proprio realizzando una doppietta agli sloveni del Mura il 30 agosto nel play off di ritorno. Quella sera cambiò il suo destino. Lotito lo aveva già promesso in prestito a Stefano Antonelli, diesse del Siena. Era un affare fatto o quasi. A mezzanotte, nella pancia dell’Olimpico, dopo un colloquio a tre con il giocatore e Petkovic, il presidente della Lazio decise di bloccare l’operazione. Kozak restò alla Lazio, venne confermato e quella mossa, a posteriori, s’è rivelata decisiva.

PERLE – La lunga galoppata europea della squadra biancoceleste è stata scandita dalle prodezze del ragazzo ceco, 24 anni da compiere a maggio, appena richiamato in nazionale dal ct Bilek. Ha segnato con una regolarità e una costanza impressionanti. Un gol ogni 55 minuti. Media da applausi e senza giocare a tempo pieno. Il posto da titolare lo ha conquistato alla distanza, sfruttando le pause di Klose, l’infortunio di Floccari e un inverno da top player. Una doppietta al Panathinaikos e un gol su pallonetto a Maribor prima di esplodere con le squadre tedesche. Decisiva la doppietta di Kozak per rimontare al Borussia Park e chiudere sul 3-3 con il Moenchengladbach nei sedicesimi di andata, travolgente la tripletta allo Stoccarda negli ottavi di ritorno venti giorni fa. Così Libor s’è guadagnato la conferma e stasera entrerà nel blocco dei titolari, consentendo a Petkovic di gestire con cautela il recupero di Klose, concentrato sul derby. Il tedesco entrerà, solo se dovesse essere necessario, durante il secondo tempo.

CRESCITA – La difesa del Fenerbahce non è irrestibile e Libor spera di lasciare il segno anche al Sukru Saracoglu. Ederson proverà a lanciarlo a rete, a ispirarlo. I cross di Candreva e Lulic dalle fasce potrebbero fare la differenza. In Europa League il ceco si esalta, è diventato un re, sfruttando spazi più larghi e marcature meno asfissianti. In campionato è ancora a digiuno e non deve essere un caso, considerando l’estremo tatticismo e le ammucchiate a centrocampo delle partite di serie A. Due fa anni, però, con Reja era riuscito a segnare 6 gol di fila, risolvendo spesso nel finale con i suoi colpi di testa. Lotito e il diesse Tare ci hanno sempre fortemente creduto, respingendo le numerose richieste arrivate negli ultimi mesi e qualsiasi tentazione di cederlo. L’Europa League ha dato ragione alla società biancoceleste e fatto lievitare la valutazione del centravanti ceco, che venne scoperto da Sabatini e che ha un contratto in scadenza nel 2015. Libor sta crescendo con la Lazio e deve compiere soltanto l’ultimo passo verso una maturazione definitiva e una continuità di rendimento in Italia che gli consentirebbero di diventare il vice Klose in pianta stabile. Istanbul, anche sotto questo proflo, potrebbe diventare una tappa fondamentale della sua carriera.

Il Corriere dello Sport

Cittaceleste

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy