La cura di Vlado va di corsa

La cura di Vlado va di corsa

 Loro non sono in vacanza, sgobbano. Un’ora e quaranta minuti di allenamento tosto. Ricaricano le batterie, mettono benzina nel serbatoio, preparano l’ultimo sprint, hanno fame di rivincita. Corsa, ripetute e allunghi, lavoro duro per la Lazio. Petkovic e i suoi uomini stanno faticando, altro che riposo. Vlado e il preparatore…

 Loro non sono in vacanza, sgobbano. Un’ora e quaranta minuti di allenamento tosto. Ricaricano le batterie, mettono benzina nel serbatoio, preparano l’ultimo sprint, hanno fame di rivincita. Corsa, ripetute e allunghi, lavoro duro per la Lazio. Petkovic e i suoi uomini stanno faticando, altro che riposo. Vlado e il preparatore Rongoni hanno messo a punto un programma di lavoro preciso. Meno pallone (per adesso), più corsa, è questa la formula. La Lazio è arrivata affaticata allo stop del campionato, lo staff tecnico sta sfruttando la pausa per effettuare un richiamo atletico. E’ necessario, farà bene alla truppa.

LA RICETTA – E’ una settimana intensa, è iniziata martedì pomeriggio. Mercoledì è stata svolta una
Tre doppie sedute in una settimana: la ricetta per volare Klose accelera… Biava è in gruppodoppia seduta, ieri il gruppo ha lavorato di mattina. Il programma subisce modifiche quotidiane in base alle esigenze e alle valutazioni dei tecnici, esaminano la reazione agli sforzi e agiscono di conseguenza. Si può accelerare: nella giornata di oggi è stato fissato un altro doppio allenamento (era prevista una seduta di lavoro singola), domattina mattina scatterà il rompete le righe. La Lazio riposerà domenica e lunedì, si ritroverà nel quartier generale martedì alle 17. E mercoledì sarà impegnata in un’altra doppia seduta. Petkovic è orfano dei nazionali, non ha a disposizione gli infortunati Floccari e Konko, può lavorare con 10 uomini. E’ un peccato, questa sosta avrebbe favorito tutti. La maggior parte dei nazionali rientrerà mercoledì 27, sarà a pieno regime dal giorno dopo. L’ultimo a sbarcare a Roma sarà Gonzalez, giocherà in Cile martedì sera, avrà solo due giorni per preparare il match col Catania (sabato 30 marzo), ecco perché potrebbe essere risparmiato.

L’OBIETTIVO – Tre doppie sedute nel giro di una settimana, il lavoro svolto sarà utile per affrontare il rush finale. La Lazio vuole presentarsi alla ripresa in buone condizioni, inizierà un nuovo tour de force: la sfida col Catania, l’andata dei quarti europei col Fenerbahce (4 aprile), il derby (8 aprile), il ritorno coi turchi all’Olimpico (11 aprile), il posticipo casalingo contro la Juve (15 aprile). Servirà una squadra fresca, pimpante, diversa da quella che è crollata in campionato (8 punti nelle prime 10 gare del girone di ritorno). Petkovic lancerà la sfida conclusiva, proverà a recuperare terreno in serie A, continuerà a lottare in Europa.

KLOSE – Il lavoro atletico e il recupero degli infortunati: questa pausa serviva, è una manna dal cielo. Alla ripresa vuole presentarsi Miro Klose, due mesi dopo l’infortunio di Genova. Ieri ha completato il secondo giorno di allenamento. Sta correndo regolarmente, è stato impegnato in esercizi fisici. Lavora in palestra e sgambetta attorno al campo, da martedì tornerà in gruppo, è questa la previsione. In mattinata si è rivisto Biava in gruppo, tra gli assenti (a scopo precauzionale) figurava Mauri. Il capitano si aggregherà ai compagni nei prossimi giorni, l’infortunio alla caviglia destra (rimediato a febbraio) gli ha provocato scompensi muscolari.

GLI ALTRI – Floccari spera di tornare in campo a breve, vuole esserci nel derby: ieri ha lavorato in piscina. Solo fisioterapia per Konko, il francese e il calabrese saranno visitati martedì in Paideia. In clinica oggi si recherà Brocchi, effettuerà un nuovo controllo strumentale, la riabilitazione procede bene. Il professor Lovati, che lo aveva operato all’inizio di febbraio, nei giorni scorsi ha rimosso il chiodo inserito nel piede destro, fu usato per ridurre la frattura. Il mediano ha portato le stampelle per un mese, aspetta il via libera per appoggiare il piede destro a terra, dovranno valutarsi le reazioni. Brocchi sogna di partecipare alla finale di Coppa Italia in programma a fine maggio. Non si è mai arreso.

Il Corriere dello Sport

Cittaceleste

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy