La Lazio cerca il poker

La Lazio cerca il poker

Alla ricerca del poker. Per continuare a crescere, per brindare con una vittoria all’ennesimo esordio (stavolta è quello di campionato all’Olimpico) e per arrivare al primo pit stop stagionale (la sosta della prossima settimana) nelle condizioni ideali. Dopo le tre vittorie nelle prime tre partite ufficiali affrontate VladimirPetkovic chiede al…

Alla ricerca del poker. Per continuare a crescere, per brindare con una vittoria all’ennesimo esordio (stavolta è quello di campionato all’Olimpico) e per arrivare al primo pit stop stagionale (la sosta della prossima settimana) nelle condizioni ideali. Dopo le tre vittorie nelle prime tre partite ufficiali affrontate Vladimir
Petkovic chiede al Palermo di prolungare il magic moment. Il tecnico di Sarajevo, accolto con diffidenza e scarsa fiducia, è riuscito in poco tempo a far ricredere tutti gli scettici.

Attenti e coraggiosi Certo, siamo ancora alle battute iniziali e servono conferme prima di emettere verdetti. La sfida di stasera col Palermo diventa così un banco di prova fondamentale per verificare la consistenza
della Petko-Lazio. «Siamopartiti bene,mami aspetto un’ulteriore crescita da parte della squadra. Soprattutto a livello mentale. Voglio una squadra che sia attenta e coraggiosa, che sappia proporre il suo gioco e che al tempo stesso conceda poco agli avversari ». Un programma ambizioso per la cui attuazione ci vorrà
tempo.E l’allenatore biancoceleste è il primo a saperlo: «Il Palermo è unavversario difficile. E’ reduce da una sconfitta pesante alla prima di campionato con il Napoli. Questo potrebbe condizionare il suo atteggiamento
in campo. Si gioca però all’Olimpico e noi dovremo essere padroni in casa nostra».

Rosa extra large Quella di stasera è anche la prima partita stagionale a mercato chiuso. Per la Lazio non c’è stato alcun colpo finale e neppure le dismissioni necessarie. «La rosa era competitiva, non c’era bisogno
di altri innesti — ancora Petkovic —. In quanto alle mancate uscite, effettivamente si è creata una situazione poco piacevole.Nonposso allenare più di 30 giocatori, dovrò dividerli  in gruppi, le singole partite
si possono preparare al massimo con 23-24 elementi ». E possibilmente sempre gli stessi. Una scelta che il tecnico conferma per la partita di stasera col Palermo. La formazione  sarà la stessa di Bergamo. C’è un po’ di apprensione per Klose che non è al meglio, ma dovrebbe farcela (l’alternativa è Kozak). Le uniche novità
ci saranno in panchina con la presenza dei due nuovi acquisti Ederson e Ciani. Quest’ultimosembrava
potesse debuttare subito, Petkovic preferisce invece attendere: «E’ con noi da pochi giorni, deve ancora
integrarsi nel gruppo».

La Gazzetta dello Sport

Cittaceleste

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy