POLISPORTIVA – Papa Francesco: Un esempio” – FOTO&VIDEO

POLISPORTIVA – Papa Francesco: Un esempio” – FOTO&VIDEO

(pubblicato ieri) ORE 12,37 – Tutte le delegazioni fanno il loro regalo a Francesco, ecco il quadro preparato dalla Curva Nord per Papa Francesco. Un ragazzo con il 12 sulle spalle che abbraccia Francesco ORE 12,20 – Ecco il discorso di Papa Francesco: “Vi saluto cordialmente società sportiva Lazio. Le…

(pubblicato ieri) ORE 12,37 – Tutte le delegazioni fanno il loro regalo a Francesco, ecco il quadro preparato dalla Curva Nord per Papa Francesco. Un ragazzo con il 12 sulle spalle che abbraccia Francesco

ORE 12,20 – Ecco il discorso di Papa Francesco: Vi saluto cordialmente società sportiva Lazio. Le simpatizzanti e le vostre famiglie. In questi 115 anni di vita, la vostra polisportiva ha fatto di tutto per mantenere vivi gli ideali. Nel 1900 infatti un gruppo di giovani, creò una società che potesse avvicinare i giovani del popolo allo sport. L’idea era quella di diffonderla in tutte le catgorie sociali. Siate accoglienti per valorizzare i diversi talenti. Che sia una casa aperta dove si possa vlaorizzare lo sport senza discriminazioni. Il patrimonio sportivo “Concordia Parvae rescunt…”, sarebbe curioso chiedere la traduzione a uno di vostri ragazzi ma mglio di no (ride ndr): Nella concordia le piccole cose crescono, nella discorcdia le più grandi decadono. La vostr lunga storia ha confermato questa credenza. La Lazio nel corso degli anni si è arrichita in diverse sociteà e in diverse discipline sportive. Tutte unite dal prinicipio della solidarietà. Il merito è quello di dare pari dignità a tutti gli sport. In Italia come in Argentina, si rischia di parlare sempre del calcio trascurando gi altri sport. Ogni diciplina sportiva ha un suo valore non solo fisico ma anche morale. Nel sacrificio, nella lealtà verso gli altri. Lealtà verso gli altri, questo è il valore più mportante. La Bibbia ci insegna che la persona umana è un tuttuno spirito e corpo. Un ragazzo e una ragazza capita che lasci la messa e la catechesi, significa che si lascia la scala di valori. Dobbiamo far tutto insieme. Grazie a Dio abbiamo degli esempi belli, di grandi campioni che non hanno mai smesso di vivere la Fede e servizio al prossimo. Il vero sport favorisce a costruire un mondo milgiore per superare il disagio umano e sociale. Mi congratulo con la vostra socità sportiva, al servizio della delegazione dei giovani. Vi Benedico con affetto. Chiedo al Signore che benedica tutti voi, il Padre il Figlio e lo spirito Santo”.

Antonio Buccioni prende la parola per primo e insieme a Lucileia consegna il dono della Polisportiva a sua santità: “Capaci in ogni gara di portare una miriade di atleti. Furono 38 quindici anni fa, oggi 15 anni dopo, siamo qui per voi con nuove discipline sportive. Alla comune convivevanza sogni e speranza. Facciamo in modo che davanti a lei ci sia la nostra grande famiglia. La nostra polisportiva è diventata un grande movimento culturale portando i giovani dalle periferie a fare sport. Quello di contribuire i rea ifvalori dello sport. Accetta i verdetti del campo, festeggiando le vittorie con la goia. Combatte gli steccati. Sono questi i valori della lazialità. Siamo la più grande società sportiva d’Europa. Conceda la sua più vivificante benedizione le rivolgiamo un saluto referente e affettuso”

 

 

 

 

Ore 12,00 – Puntuale, come un orologio svizzero, è arrivato Papa Francesco. Una passerella per accogliere i doni e gli abbracci della Polisportiva Lazio, bambini sorridenti, tutti con le braccia tese rivolte verso il Pontefice. I bambini con i loro occhi rigonfi d’amore e di speranza, luccicano di gioia verso Sua Santità.

Ore 11,32 – Velia Donati: “Sono in rappresentanza di Aldo che abbiamo tutti nel cuore. Forza Lazio“. E comincia a cantare i successi di suo marito Aldo

Ore 11,26 – E’ il turno di Francesco Scarcelli, pronto a intonare la sua “Non Mollare Mai”. L’autore fa alzare tutti in piedi e gli atleti rispondono presente. Tutti in piedi al grido: “Chi non salta della Roma è!”


CHI NON SALTA DELLA ROMA E’ di cittaceleste

 

Ore 10,45 – Tony Malco ha fatto un medley dei suoi più grandi successi: “Abbiamo colorato San Pietro di biancoceleste!”. Sull’inno Vola Lazio Vola è un tripudio di 10mila bandierine biancocelesti


tripudio biancoceleste di cittaceleste

Ore 9,44 – Stanno proiettando filmati storici in attesa di Sua Santità ed Enrico Lenni ha cantato uno dei suoi successi. Appare anche uno striscione: “Un amore così grande per un volo lungo un secolo! S.S. Lazio 1900”

Ore 9,36Pino Insegno, presentatore dell’evento: “Sarà una giornata straordinaria, bellissima, il colpo d’occhio riempie il cuore. C’è il presidente della Polisportiva a cui va rivolto un grande applauso per quello che ha fatto. Ora arriveranno i cantori della Lazio e intoneranno le canzoni più belle della Lazio”. Antonio Buccioni, presidente della Polisportiva:“Voglio salutare da Vercelli Paola Piola, figlia di Silvio Piola e l’altra madrina romana, figlia del nostro condottiero per sessant’anni, Patrizia Nostini

 

Paola Piola: “Mi state regalando un’emozione enorme, grazie a voi per esserci. Vorrei anche ringraziarvi per come custodite il ricordo di mio papà”.

 

Patrizia Nostini: “E’ una cosa stupenda, bravissimi! Credo che oggi sarà una giornata particolarmente emozionante. Fategli sentire a Papa Francesco quello che voi sentite dentro di voi, sempre Forza Lazio!”.

 

ROMA – La grande famiglia della Lazio torna dal Papa dopo quindici anni dall’ultima volta. Tutte e 63 le sezioni stanno riempiendo la Sala Paolo VI in attesa dell’arrivo del Santo Padre, Papa Francesco, previsto per le ore 12.

 

 

 

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy