La Lazio si rialza e torna sul podio

La Lazio si rialza e torna sul podio

Troppa Lazio, poco Siena e i biancocelesti si riprendono il podio. Basta un primo tempo, ben giocato e concreto, per mettere in cassaforte il quarto successo e stagliarsi alle spalle della coppia regina del campionato. Non è una Lazio scintillante, magari con qualche scoria mentale di troppo, dopo le 2…

Troppa Lazio, poco Siena e i biancocelesti si riprendono il podio. Basta un primo tempo, ben giocato e concreto, per mettere in cassaforte il quarto successo e stagliarsi alle spalle della coppia regina del campionato. Non è una Lazio scintillante, magari con qualche scoria mentale di troppo, dopo le 2 sconfitte di fila, ma comunque solida e determinata per tornare alla vittoria e ritrovare vigore, fiducia, entusiasmo. Stenta un poco all’inizio quando Calaiò spaventa per due volte Marchetti, bravo nella seconda occasione a salvare il risultato. Passa appena un minuto ed Ederson si prende il proscenio con una spettacolare girata di testa, su calcio d’angolo. Il brasiliano si presenta alla grande all’esordio all’Olimpico, dimostrando di avere passo, tecnica e idee, ma non ancora la migliore condizione fisica. Comunque un calciatore di qualità che diventerà molto utile nelle prossime settimane, quando avrà affinato la forma.

Il gol di Ederson incanala una sfida difficile su binari tattici favorevoli alla Lazio perché costringe, l’abbottonato Siena, che gioca con 8-9 elementi sotto palla, ad alzare il ritmo e a concedere qualche spazio di troppo agli avversari. Al 26’ l’inadeguato Russo prende un abbaglio clamoroso, che scatena la giustificata reazione del pubblico: Mauri lanciato a rete viene nettamente ostacolato dal portiere, uscito fuori dall’area. Tutti aspettano la punizione solare e il rosso a Pegolo, ma l’arbitro fa finta di niente: lascia correre e ammonisce il laziale per proteste. Dieci minuti dopo, però, il signor Russo non può esimersi dall’accordare il rigore ai biancocelesti. Retropassaggio suicida dalla meta campo, Klose capisce tutto e si lancia sul pallone ma viene atterrato da Pegolo. Il portiere, che nonostante freni la corsa, fa comunque cadere l’attaccante, vorrebbe che il tedesco facesse come a Napoli… Ma Klose, questa volta, non può ammettere una colpa che non ha, e Ledesma trasforma dal dischetto. Russo sbaglia ancora quando, allo scadere del tempo, ammonisce anche Calaiò caduto in area dopo un contatto con Biava. Niente rigore, ma neppure giallo.

Cosmi, nell’intervallo, prova a correggere e ridisegnare una formazione sbagliata e i bianconeri, nella ripresa, appaiono più intraprendenti con la partita che diventa a tratti anche spettacolare. A gestirla e dominarla è comunque sempre la Lazio che, con Mauri e Candreva, pronti a scambiarsi i ruoli, comandano le fasce. Il capitano è pericoloso e sfortunato in un paio di occasioni mentre Candreva, sempre nel cuore della manovra, è protagonista di 3 tiri consecutivi che non inquadrano mai lo specchio della porta.

L’incontro lievita d’intensità, diventando interessante e piacevole, la Lazio propone buone trame offensive, rapidi contropiedi e sfiora a ripetizione il terzo gol. Ma forse gioca con eccessivo sussiego peccando o nell’ultimo passaggio o nella stoccata decisiva. E questo consente agli avversari di restare a galla. Apprezzabile il lavoro di Klose, nell’aprire gli spazi e nel duettare sullo stretto soprattutto con Mauri che spesso accentra la posizione. Meno concreto del solito Lulic, partito terzino e poi avanzato a centrocampo. Petkovic aspetta quel terzo gol che la squadra merita ma che non arriva. Il Siena è messo meglio in campo, prova ad alimentare l’azione, ma sbaglia troppi passaggi. Errori che fanno agitare furiosamente Cosmi. Dopo una ripresa tranquilla Marchetti viene battuto, nel primo dei 3 minuti di recupero, quando un incerto Dias dà tempo e spazio a Paci di firmare il gol dell’effimera illusione senese sugli sviluppi di un corner. Ultimi secondi di sofferenza, ma senza pericoli. E giovedì sarà nuovamente l’Europa

fonte: il messaggero

Simone Davide

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy