Lazio brasiliana per vincere al Sud

Lazio brasiliana per vincere al Sud

Due leader al prezzo di uno. Klose migliora ma continua a restare in dubbio per l’affaticamento muscolare, la sua presenza domani a Palermo dipende dal colloquio che stamani avrà con Petkovic. Alla fine decide il tedesco, come sempre. Ma Miro è talmente prezioso che il tecnico già sta pensando a…

Due leader al prezzo di uno. Klose migliora ma continua a restare in dubbio per l’affaticamento muscolare, la sua presenza domani a Palermo dipende dal colloquio che stamani avrà con Petkovic. Alla fine decide il tedesco, come sempre. Ma Miro è talmente prezioso che il tecnico già sta pensando a preservarlo per la Juve in Coppa Italia (martedì 22) ed affidare la Lazio a Dias ed Hernanes, due trascinatori per continuare a sognare lo scudetto, anche se ieri i biancocelesti sono stati raggiunti al secondo dal Napoli, al quale sono stati tolti i due punti di penalizzazione dalla Corte di giustizia della Figc per il calcio scommesse. E, magari, per invertire anche la rotta delle trasferte al Sud, dove quest’anno i biancocelesti hanno conosciuto solo batoste. A Napoli come a Catania, sette gol sul totale di 19 al passivo raccattati in due partite. Era un’altra Lazio, certo, ma l’esame Palermo è particolarmente delicato per questioni di classifica, perché l’anno scorso in Sicilia è andata sempre male e perché al «Barbera» i biancocelesti di Reja ne presero cinque, una scoppola le cui scorie «Petko» teme non siano state del tutto eliminate. Così, in assenza di Klose, toccherà a Dias ed Hernanes spingere la squadra. Il rientro del primo dall’infortunio muscolare è importante sia sotto il profilo tecnico che scaramantico: due anni fa fu proprio una rete del centrale brasiliano a regalare vittoria e tre punti ai biancocelesti in trasferta a Palermo. Tra l’altro anche allora si giocò un anticipo, anche se di domenica (alle 12.30) In ogni caso Dias dovrà preoccuparsi più che altro di guidare la difesa, probabilmente schierata di nuovo a tre, visto che Konko ha problemi al solito polpaccio (migliorano invece le condizioni di Gonzalez, mentre Candreva è ok). Il peso dell’attacco, invece, sarà sulle spalle di Hernanes: un po’ perché è il goleador della Lazio in trasferta (dei 7 gol in campionato ben 5 li ha segnati lontano dall’Olimpico), un po’ perché il «Profeta» potrebbe lanciare un segnale nell’altra importantissima partita, quella relativa al rinnovo. Ha un contratto che scade nel 2015 e la società ha più volte cercato di allacciare il contatto con Joseph Lee, il suo agente. Ma finora il clan Hernanes è stato sfuggente: dietro, infatti, ci sarebbe la Juventus e una proposta, per ora solo sussurrata, di accordo dopo la scadenza naturale del contratto. In questo modo Hernanes potrebbe tentare di raggiungere il Mondiale brasiliano per poi cambiare aria a tutto vantaggio del compenso personale. Un altro rompicapo

Il Corriere della sera

Cittaceleste

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy