Lazio, cerca il gol perduto

Lazio, cerca il gol perduto

 I pirati son tornati? Lo spera Petkovic, a Bologna deve ritrovare il gol. Sembra un paradosso: nell’ultimo mese la Lazio ha segnato a raffica, ma fuori casa (in campionato) non centra il bersaglio dal 7 ottobre (Pescara-Lazio 0-3), sono passati 63 giorni. L’ultima rete in trasferta l’ha realizzata Klose all’Adriatico,…

 I pirati son tornati? Lo spera Petkovic, a Bologna deve ritrovare il gol. Sembra un paradosso: nell’ultimo mese la Lazio ha segnato a raffica, ma fuori casa (in campionato) non centra il bersaglio dal 7 ottobre (Pescara-Lazio 0-3), sono passati 63 giorni. L’ultima rete in trasferta l’ha realizzata Klose all’Adriatico, era il 35’ del primo tempo. Da allora i biancocelesti non hanno più bucato le porte, hanno perso a Firenze (2-0), sono stati asfaltati a Catania (4-0), hanno resistito solo a Torino (0-0 contro la Juventus). Eppure
Sessantatrè giorni dopo c’è da invertire la rotta: troppo poco un punto nelle ultime 3 gare esterne. Candreva e Mauri bomber a Bolognain casa, da Pescara in poi, in campionato hanno rifilato tre gol al Milan (3-2), uno al Torino (1-1), tre alla Roma (3-2), tre all’Udinese (3-0) e due al Parma (2-1). Le trasferte sono andate meglio in Europa, dal 7 ottobre in poi è arrivato il gol di Atene contro il Panathinaikos (1-1) ed anche l’1-4 di Maribor.

LA SVOLTA – Firenze, Catania, Torino: nelle ultime tre gare esterne di serie A è stato conquistato un solo punto, troppo poco. I viaggi in Toscana, Sicilia e Piemonte sono coincisi col periodo più buio vissuto dalla squadra. Petkovic cerca la svolta, ha ritrovato la sua Lazio dopo averla persa a Catania, vuole la riprova a Bologna. E’ una Lazio diversa, subisce di meno, segna di più, vince e convince, diverte, gioca con equilibrio. Non sarà semplice sbancare il Dall’Ara, le condizioni climatiche non saranno clementi e i rossoblù di Pioli sono clienti scomodi. Vlado non si fa condizionare, non ha paura, ha catechizzato i suoi uomini, li ha educati alla vittoria. Una Lazio spettacolare e ambiziosa non può soccombere in trasferta, deve ritrovare i gol e il successo, deve alzare la media punti, deve provare a dominare ovunque e comunque. Fuori casa i biancocelesti hanno giocato 7 partite su 15 totali, hanno ottenuto solo tre vittorie (Atalanta, Chievo e Pescara), hanno pareggiato con la Juve e hanno perso contro Napoli, Fiorentina e Catania. Petkovic ha 29 punti in classifica, ne ha ottenuti 10 fuori casa. Tra le big, insieme a Milan (3 vittorie) e Fiorentina (2 vittorie), la Lazio è la squadra che ha colpito di meno in trasferta.

CANDREVA-MAURI – Segnare a Bologna, vincere a Bologna, sono questi gli obiettivi. Serve l’aiuto di tutti, non può pensarci solo Klose ai gol decisivi. Bologna è una città che richiama alla mente dolci ricordi, sono due i personaggi che in passato hanno colpito al Dall’Ara. Candreva, su assist di Del Piero, ai tempi della Juve segnò la sua prima rete in serie A, era il 21 febbraio 2010. E poi c’è Mauri, ha segnato spesso al Bologna, è successo per due volte con la maglia biancoceleste: l’11 aprile 2010 (3-2 per i laziali) e il 12 settembre 2010 (3-1 all’Olimpico). Ogni volta che Mauri ha bucato la porta dei rossoblù è arrivata una vittoria della Lazio. Sarà bene passargli il pallone…

Il Corriere dello Sport

Cittaceleste

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy