Lazio con tre tenori

Lazio con tre tenori

Anche la Lazio ha i suoi tre tenori. Sono Klose, Hernanes e Candreva. Sono loro a dare alla Petko-Lazio qualità e imprevedibilità. E sono soprattutto loro a garantire i gol necessari per tradurre in punti un gioco sempre più convincente. In tre ne hanno messi a segno 13 sui 15…

Anche la Lazio ha i suoi tre tenori. Sono Klose, Hernanes e Candreva. Sono loro a dare alla Petko-Lazio qualità e imprevedibilità. E sono soprattutto loro a garantire i gol necessari per tradurre in punti un gioco sempre più convincente. In tre ne hanno messi a segno 13 sui 15 totali realizzati dalla squadra biancoceleste. In Serie A, almeno finora, non ci sono altre squadre che possono vantare un trio così. Il cecchino La parte del leone la sta facendo, ovviamente, Totem Klose. Con quello segnato ai rossoneri sono saliti a 10 i suoi gol stagionali: 6 in campionato, 1 in Europa League e 3 con la nazionale tedesca. Un inizio migliore lo aveva vissuto solo nella prima stagione al Bayern. Con le 6 reti messe a segno in campionato, tra l’altro, Klose è in vetta alla classifica marcatori di Serie A insieme con Cavani. Dopo tanto tempo la Lazio torna dunque ad avere un suo giocatore in lizza per il trono di bomber. L’ultimo biancoceleste a diventarlo fu Crespo nella stagione 2000-01, in precedenza altri quattro laziali avevano trionfato: Signori (tre volte), Giordano, Chinaglia e Piola.

Il fantasista
Ma, numeri alla mano, anche Hernanes lotta per la classifica cannonieri, visto che ha un solo gol meno di Klose e Cavani. Ma questa per il Profeta è forse solo una suggestione. Più facile che centri il primato (laziale) di reti realizzati in un campionato da un centrocampista. Nel suo primo anno italiano Hernanes eguagliò il record di Nedved (11 reti): questo è l’anno buono per migliorarlo. Ma il peso specifico del brasiliano per la Lazio si misura più che sui gol sulla capacità di fare la differenza a centrocampo.

L’incursore
Compito, quest’ultimo, che sia pur in misura leggermente ridotta svolge pure Antonio Candreva. Anche i gol sono un po’ meno, 2, ma entrambi molto belli: due missili da trenta metri, il primo contro il Palermo, il secondo sabato al Milan. Candreva è la grande rivelazione della stagione laziale. Arrivato in biancoceleste a gennaio, il laterale aveva fatto intravedere le sue qualità già nelle ultime partite dello scorso campionato. Ma quest’anno è letteralmente esploso. Lo testimonia la sua lusinghiera media-voto, lo conferma il ritorno in Nazionale, avvenuto in occasione delle ultime due partite degli azzurri.

Soldi russi
Lotito se li gode e, grazie a loro, sogna in grande. Ma il presidente esulta pure per un altro motivo. Nelle casse societarie sono in arrivo soldi freschi. E’ in dirittura d’arrivo l’accordo per il nuovo sponsor: sarà una multinazionale russa

La Gazzetta dello Sport

Cittaceleste

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy