Lazio in ansia per Lulic, si teme uno stiramento

Lazio in ansia per Lulic, si teme uno stiramento

FORMELLO – La seduta di Formello porta in dote due cattive notizie: Candreva non si è allenato a causa di un’influenza e Lulic si è fermato a metà della partitella per una fitta alla coscia sinistra. L’esterno romano non sarà convocato per la sfida europea contro l’Apollon Limassol, resterà a…

FORMELLO – La seduta di Formello porta in dote due cattive notizie: Candreva non si è allenato a causa di un’influenza e Lulic si è fermato a metà della partitella per una fitta alla coscia sinistra. L’esterno romano non sarà convocato per la sfida europea contro l’Apollon Limassol, resterà a Roma per farsi trovare pronto per il Cagliari. Quella del bosniaco invece rischia di trasformarsi davvero in una brutta tegola con tempi di recupero allungati. Il dottor Salvatori ha spiegato a Lazio Style Radio che Lulic « ha riportato un risentimento muscolare all’adduttore della coscia sinistra la cui entità verrà valutata attraverso un esame strumentale nella giornata di giovedì (domani)». « Al momento le indicazioni non sono molto positive, il sospetto è quello di uno stiramento ».

GLI ASSENTI

– Al di là dei due infortuni, Petkovic ha avuto tutti a disposizione a eccezione dei lungodegenti, Biava e Konko che ha svolto una corsetta leggera mentre i compagni disputavano una partitella a campo ridotto: la prima squadra con il 4-3-3, la seconda con il 4-2-3-1. Cavanda, Cana, Dias, Crecco, Onazi, Biglia, Hernanes, Felipe Anderson, Klose e Keita da una parte; Pereirinha, Novaretti, Ciani, Radu, Gonzalez, Ledesma, Perea, Ederson, Lulic e Floccari dall’altra. Radu ha svolto tutto l’allenamento insieme ai compagni ed è da considerare completamente recuperato, già per la gara di domani a Cipro. Hernanes ha svolto la prima parte della seduta (corsa) a parte. Il clima non era comprensibilmente dei più allegri: soltanto Ciani ha trovato il modo di strappare un sorriso ai compagni quando durante un esercizio di possesso palla si è improvvisato giocoliere con un numero degno di un numero dieci piuttosto che di un marcatore. Ledesma che assapora il gusto di una maglia da titolare si impegna in ogni singola esercitazione. Così come il recuperato Novaretti che spera di scendere in campo dal primo minuto. Mentre i compagni iniziavano a far ritorno negli spogliatoi, si sono fermati sul campo Floccari ed Ederson per provare i tiri dalla distanza. Un indizio di formazione?

Corriere dello Sport

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy