Lazio, riecco le frecce

Lazio, riecco le frecce

Ali laziali. Assist dalle fasce, rispiovono palloni in area. Sono tornati Candreva e Lulic, hanno rimesso il turbo, hanno fornito palloni d’oro a Floccari e Kozak in terra tedesca. Due assist al bacio, un servizio completo. Le ali sono loro: il supporto dei cursori mancava alla Lazio di Petkovic, tecnico…

Ali laziali. Assist dalle fasce, rispiovono palloni in area. Sono tornati Candreva e Lulic, hanno rimesso il turbo, hanno fornito palloni d’oro a Floccari e Kozak in terra tedesca. Due assist al bacio, un servizio completo. Le ali sono loro: il supporto dei cursori mancava alla Lazio di Petkovic, tecnico offensivo, spettacolare, da sempre utilizzatore delle fasce. I primi due gol rifilati al Borussia Moenchengladbach sono arrivati grazie alle intuizioni di Candreva e Lulic, per due centravanti come Floccari e Kozak i rifornimenti laterali possono essere decisivi e lo sono stati.
CANDREVA – Se sta bene, se è al top, fa la differenza, cambia il ritmo della Lazio. Due infortuni, due traumi. E ancora
Sono in ripresa, quando stanno bene la squadra riesce a sfruttare le corsie esterne. E gli attaccanti ricevono palloni d’orodopo l’influenza. Antonio Candreva si è ripreso, aveva accusato un calo, la parabola discendente era iniziata dopo la botta presa alla coscia sinistra contro l’Inter, era dicembre. Finì al tappeto e in seguito beccò una botta anche alla coscia destra. Non è stato facile allenarsi regolarmente durante le vacanze di Natale, non è stato facile recuperare lo smalto dei tempi migliori. S’è messa di mezzo anche la febbre che l’ha debilitato costringendolo a saltare la partita contro il Genoa. Candreva ha potuto rispondere alla convocazione di Prandelli e solo dopo s’è messo a disposizione di Petkovic. La voglia di tornare a giocare a grandi livelli l’ha spinto a rientrare di corsa a Formello per allenarsi con i compagni, rinunciò al riposo concesso ai nazionali, voleva esserci contro il Napoli. Candreva ci sta male quando non può aiutare la squadra. Per attuare il suo gioco e fare la differenza deve essere in forma, deve avere lo smalto dei giorni migliori. E’ uno scattista tecnico, sa accelerare senza far perdere qualità alle giocate. Contro il Napoli era sembrato in netta ripresa, a Moenchengladbach ha confermato i progressi ed è stato autore di un’ottima prestazione. Non s’è fermato un attimo, ha riacquisito fiato e lucidità, è tornato il Candreva che tutti conosciamo. La sua prestazione è stata impreziosita dall’assist fornito a Floccari, ha generato il gol del momentaneo 1-1.
LULIC – Le ali corrono, è un piacere rivederle. Candreva sgomma sulla destra, Lulic ha dato segnali di ripresa, si sta svegliando dal torpore. Ha accelerato anche lui contro il Borussia e ha firmato l’assist che ha permesso a Kozak di portare la Lazio sull’1-2. Petkovic si augura di aver ritrovato il suo allievo una volta per tutte. Lulic è stato intermittente finora, non ha mai trovato continuità di rendimento, la stessa dimostrata l’anno scorso, dopo il difficile avvio. Lulic non ha ancora segnato in stagione, ma il suo apporto non è solo legato alla finalizzazione. Servono i suoi suggerimenti, servono le sue galoppate, i suoi cross. Quando hai centravanti di razza, quando puoi sganciare attaccanti di peso come Floccari e Kozak devi poter schierare cursori mobili, offensivi, capaci di indirizzare palloni in area di rigore. Le difese avversarie non si possono bucare solo per vie centrali, affidandosi alle incursioni delle mezzali o dei rifinitori. No, gli esterni devono garantire sbocchi di gioco, alternative tattiche. Il pallone deve viaggiare sulle corsie laterali e per sfondare il muro c’è bisogno di uomini in forma. Cursori a mezzo servizio, in condizioni precarie, non fanno la differenza. E’ un bene riavere Candreva e Lulic al meglio, hanno caratteristiche diverse rispetto agli altri compagni che possono adattarsi nei loro ruoli. Garantiscono il cambio di passo se stanno bene, aumentano il ritmo di gioco, costruiscono palle-gol, invitano a nozze gli attaccanti.

Il Corriere dello Sport

Cittaceleste