Lazio senza difesa

Lazio senza difesa

Emergenza completa. Dopo Andrè Dias – bloccato da una lesione di primo grado all’adduttore – per la sfida di sabato con il Catania la Lazio dovrà rinunciare con ogni probabilità anche a Giuseppe Biava. La contusione al polpaccio destro rimediata martedì dal difensore bergamasco si è infatti rivelata più grave…

Emergenza completa. Dopo Andrè Dias – bloccato da una lesione di primo grado all’adduttore – per la sfida di sabato con il Catania la Lazio dovrà rinunciare con ogni probabilità anche a Giuseppe Biava. La contusione al polpaccio destro rimediata martedì dal difensore bergamasco si è infatti rivelata più grave del previsto. Il bollettino medico diffuso in serata dalla società biancoceleste parla di «un parziale miglioramento clinico» rispetto alla giornata precedente, ma Biava ha saltato entrambe le sedute d’allenamento limitandosi a un «blando lavoro atletico in palestra» e – come spiega il dottor Lovati – «le contusioni hanno bisogno dei tempi fisiologici per il recupero».
Un ulteriore accertamento sulle condizioni del difensore bergamasco sarà effettuato oggi, Petkovic proverà a recuperarlo fino all’ultimo, ma – a meno di miracoli – il forfait di Biava per la sfida col Catania è decisamente probabile. Un problema enorme per il tecnico di Sarajevo, già privo di Ciani squalificato e Dias infortunato. L’unico centrale a disposizione è l’ex mediano Cana, scopertosi una buona risorsa per la difesa negli ultimi mesi. Accanto all’albanese potrebbe spostarsi Radu lasciando la fascia sinistra a Lulic, mentre a destra dovrebbe agire ancora Pereirinha anche se Petkovic ha provato Stankevicius, reduce dall’infortunio al tendine d’achille e mai in campo quest’anno con la maglia biancoceleste.
In ogni caso – persino nell’improbabile scelta di uno schieramento a 3 con Pereirinha, Cana e Radu – sarà una difesa d’emergenza, la decima linea diversa mandata in campo da Petkovic nelle ultime dieci partite. I risultati sono noti, le difficoltà incontrate dalla squadra biancoceleste sotto gli occhi di tutti. E sabato pomeriggio all’Olimpico arriva il Catania, tutto fuorché un avversario comodo per la Lazio.
I precedenti sono chiari e non vanno sottovalutati, considerando anche l’ottimo campionato giocato finora dal Catania, 8° in classifica con due soli punti meno dei biancocelesti: nelle sfide casalinghe di serie A la Lazio non supera i siciliani dal 2 novembre 2008, quando gli etnei si arresero solo nel finale al gol segnato da Foggia. Da allora all’Olimpico il Catania ha ottenuto una storica vittoria (il 7 febbraio 2010 ) e due pareggi. Poi, neppure tre mesi fa, è arrivata la sfida di Coppa Italia dominata dalla Lazio. Mai come in questo momento la squadra di Petkovic avrebbe bisogno di ripetere quell’impresa. Senza difesa, però, non sarà per nulla facile.

Il Tempo

Cittaceleste

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy