L’Olimpico per la Champions

L’Olimpico per la Champions

L’idea è quella di trascorrere un Natale con i fiocchi. Un’idea che alla Lazio ha fatto capolino dopo la bella prestazione fornita contro il Tottenham, e diventata più insistente dopo la prova ancora più convincente con l’Udinese. L’idea è quella di arrivare entro la fine del girone di andata in…

L’idea è quella di trascorrere un Natale con i fiocchi. Un’idea che alla Lazio ha fatto capolino dopo la bella prestazione fornita contro il Tottenham, e diventata più insistente dopo la prova ancora più convincente con l’Udinese. L’idea è quella di arrivare entro la fine del girone di andata in zona Champions. Due sono i punti da recuperare e due le squadre da superare, Fiorentina e Inter. Calendario amico Il calendario sembra dare una mano ai biancocelesti. Che nel prossimo mese e mezzo giocheranno quasi sempre all’Olimpico: quattro delle prossime sei partite la Lazio le affronterà infatti in casa. Con quella di martedì con l’Udinese (già sfruttata) fanno cinque su sette. Un’insolita combinazione determinata da un doppio turno casalingo (domenica i biancocelesti giocano ancora in casa, col Parma) e dalla circostanza che le prime due partite di gennaio sono l’ultimadel girone di andata e la primadi ritorno: la Lazio le disputerà entrambe in casa (con Cagliari e Atalanta). Nelle gare giocate all’Olimpico, tra l’altro, i biancocelesti hanno finora conquistato il grosso del loro bottino: 16 punti sui 26 totali. Frutto di 5 vittorie, un pareggio e una sconfitta, quest’ultima arrivata peraltro al termine di un match, col Genoa, che la Lazio non meritava di perdere. La fame di Petko Petkovic ci crede. Il tecnico, che finora ha ottenuto 12 successi in 21 partite ufficiali affrontate con la Lazio, ha chiesto alla sua squadra «di continuare ad avere la fame mostrata contro l’Udinese». Nonè uno di quei proclami buttati lì tanto per infiammare l’ambiente. Quello della pancia piena dopo un filotto di risultati positivi è stato infatti il tallone d’Achille delle Lazio targate Reja. Petkovic vuole evitare che la storia si ripeta. E per questo ha ordinato ai suoi di sfruttare al massimo il prossimomese e mezzo di campionato. Nel quale non potrà però disporre di Tommaso Rocchi: ieri in allenamento il capitano si è procurato la frattura del quinto metacarpo della mano destra: ne avrà almeno per trenta giorni.

La Gazzetta dello Sport

Cittaceleste

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy