Lotito blinda Hernanes!

Lotito blinda Hernanes!

I tifosi della Lazio chiedono uno sforzo a Lotito sul mercato per avvicinarsi e credere ancora di più al sogno scudetto. L’ambizione e la tentazione di giocarsela sino in fondo con la Juve sono alla base di ogni ragionamento e si può trovare una giustificazione plausibile alle richieste del popolo…

I tifosi della Lazio chiedono uno sforzo a Lotito sul mercato per avvicinarsi e credere ancora di più al sogno scudetto. L’ambizione e la tentazione di giocarsela sino in fondo con la Juve sono alla base di ogni ragionamento e si può trovare una giustificazione plausibile alle richieste del popolo biancoceleste. In altre sessioni invernali di mercato la dirigenza era stata criticata e una buona dose di delusione si era avvertita anche alla fine di agosto, quando la campagna estiva si chiuse con il solo acquisto del francese Ciani, che si aggiungeva a Ederson e al riscatto di Candreva. Oggi, però, diventa difficile discutere il lavoro della società. La Lazio si trova a soli tre punti dalla Juventus, Petkovic sfiderà Conte nelle semifinali di Coppa Italia, ha buone possibilità di andare avanti anche in Europa League. Con una politica accorta e acquisti mirati, il ds Tare ha costruito una squadra da primi posti. Biava, Dias e Floccari. Poi Hernanes e Gonzalez. Infine Marchetti, Konko, Cana, Lulic, Klose. In due anni e mezzo è stato ricostruito un gruppo che spera finalmente di conquistare l’ingresso in Champions League. E’ difficile discutere questo lavoro, perché sta pagando sul campo con i risultati. E’ complicato migliorare un gruppo coperto in ogni ruolo e con alcune risorse ancora da sfruttare. Lotito guarda al futuro e ha avuto ragione con la riflessione posta all’inizio di settembre. Petkovic ha avuto la possibilità di sviluppare e portare avanti il lavoro di Reja perché la Lazio ha tenuto tutti i suoi giocatori migliori. E non ha venduto nessuno. Neppure Hernanes, che era stato corteggiato con insistenza ed estrema riservatezza dallo Zenit San Pietroburgo. «Ho rifiutato un’offerta da 30 milioni per il Profeta» ha dichiarato Lotito in più occasioni. Si riferiva al club russo, guidato in panchina da Spalletti.

RINNOVI – Nelle stagioni passate il mercato della Lazio si era autofinanziato attraverso cessioni eccellenti: nel 2010 il City di Mancini aveva acquistato Kolarov per 20 milioni di euro (18 cash più il cartellino di Garrido) e nel 2011 la Juve aveva preso Lichtsteiner per 10 milioni. Tutti e due gli esterni avevano chiesto a Lotito la cessione per continuare a crescere in termini di stipendio e di ambizioni sportive. Volevano giocare per lo scudetto e in Champions. Oggi tutti chiedono alla società di comprare. Certo, se Tare riuscisse a indovinare un rinforzo adeguato, farebbe comodo. Ma un vero progetto di crescita deve essere accompagnato dalla certezza di poter trattenere tutti i gioielli anche nella prossima stagione. Klose s’è rivelato un colpo straordinario, ma ha scelto di venire a Roma a chiudere la carriera. Hernanes, segnando un gol dopo l’altro, sta diventando un top player e si trova nel pieno della maturità agonistica. Le dichiarazioni di Joseph Lee, il suo manager, non sono proprio rassicurante. Sembra un gioco al rialzo, un segnale inviato alla società per avvertire che eventuali offerte a fine stagione potrebbero essere valutate. La Lazio ha intenzione di blindare e prolungare il contratto di Hernanes, in scadenza 2015, ma i primi colloqui con Lee (nello scorso settembre) non erano stati positivi. Per questo motivo, l’agente ha stoppato qualsiasi ipotesi di rinnovo. Oggi il brasiliano, compresi i premi, guadagna uno stipendio che oscilla intorno al milione e mezzo. E’ chiaro che il suo mercato può essere diverso da quello di altri giocatori. Hernanes si trova bene a Roma, con Petkovic si diverte e il vantaggio di Lotito è che difficilmente, dopo aver trovato una collocazione tattica precisa e un ruolo di primo piano, difficilmente il giocatore metterà in discussione il proprio futuro a un solo anno dal Mondiale in Brasile, suo vero obiettivo. Questo lasso di tempo permetterà anche alla Lazio di organizzarsi e di blindare a lungo termine i suoi campioni, a partire da Hernanes. Meglio spendere per i cartellini o alzare la posta del monte stipendi? Lo sforzo vero serve sui rinnovi. L’ingresso in Champions, con tanti giocatori a scadenza e l’innesti giusti da studiare, fa capire come sia più giusto pianificare a giugno il nuovo ciclo. Nel segno di Petkovic.

Il Corriere dello Sport

Cittaceleste

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy