Lotito fa polemica, “Ma quali porte chiuse”

Lotito fa polemica, “Ma quali porte chiuse”

«La squadra c’è, l’ho sempre detto. Deve solo farlo vedere sul campo. E stavolta l’ha dimostrato in pieno». Claudio Lotito è raggiante, per la tripletta del suo pupillo Kozak e per l’approdo ai quarti di finale. Le polemiche il presidente le risparmia per l’Uefa: «Prima decide di farci giocare a…

«La squadra c’è, l’ho sempre detto. Deve solo farlo vedere sul campo. E stavolta l’ha dimostrato in pieno». Claudio Lotito è raggiante, per la tripletta del suo pupillo Kozak e per l’approdo ai quarti di finale. Le  polemiche il presidente le risparmia per l’Uefa: «Prima decide di farci giocare a porte chiuse, poi concede 130 biglietti agli sponsor, che a loro volta girano i tagliandi a terze persone.  Morale: stasera (ieri, ndr) allo stadio sarebbe potuto entrare chiunque. La verità è che quella nei nostri confronti è una sanzione esagerata. La Lazio paga per cose antecedenti alla mia gestione».

Episodio E che con l’Uefa il clima non sia idilliaco lo dimostra anche quanto accaduto al responsabile della comunicazione biancoceleste, Stefano De Martino, che dopo alcuni momenti di tensione prima del match con il personale Uefa (reo di non aver fatto entrare uno degli addetti stampa della Lazio) è stato allontanato dallo stadio, per poi tornare all’interno alla fine del primo tempo.

La Gazzetta dello Sport

Cittaceleste

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy