Lotito, “La Roma non speculi”

Lotito, “La Roma non speculi”

ROMA – Ospite negli studi della Rai, alle sei del pomeriggio, prima di raggiungere l’Olimpico per assistere a Lazio-Genoa, il presidente Lotito ha attaccato la Roma. Sollecitato sul tema degli stadi e sul caso Is Arenas, non è stato tenero e neppure diplomatico con i dirigenti della Roma, che hanno…

ROMA – Ospite negli studi della Rai, alle sei del pomeriggio, prima di raggiungere l’Olimpico per assistere a Lazio-Genoa, il presidente Lotito ha attaccato la Roma. Sollecitato sul tema degli stadi e sul caso Is Arenas, non è stato tenero e neppure diplomatico con i dirigenti della Roma, che hanno chiesto la vittoria a tavolino. E ha cercato di non infierire su Cellino.  «Come presidenti e proprietari di società dovremmo sempre inviare dei messaggi positivi e nel rispetto delle regole. Quanto accaduto a Cagliari è un problema che si inserisce in un contesto che va revisionato, «Chi invoca lo 0-3 non è in linea con i valori sportivi Ma è vero che abbiamo stadi da terzo mondo La politica ha frenato tutto»abbiamo una situazione anomala per gli stadi, una volta si riteneva che in Italia si giocasse il campionato più bello del mondo, oggi ci presentiamo con stadi da terzo mondo. La legge si è impantanata perché la classe politica continua a mettere una serie di vincoli e veti, negando la possibilità di costruire nuovi impianti a beneficio della sicurezza e della collettività. Questa situazione si è incancrenita creando danni economici e incertezza del diritto. Basta che una persona si opponga e salta tutto»

A TAVOLINO –  Approfondendo l’argomento, Lotito è entrato in polemica con Baldini e la dirigenza giallorossa. A Stadio-Sprint, Varriale gli ha chiesto se fosse d’accordo sulla richiesta del 3-0 a tavolino. Lotito ha risposto così: «Lo ritengo un atteggiamento non in linea con i valori dello sport, Cellino si trova in una situazione di difficoltà, non bisogna speculare pure se esistono delle normative che lo consentono. Io non avrei chiesto lo 0-3, le partite si vincono sul campo. Penso che il giudizio del Prefetto, che ha suggerito il rinvio della partita, fosse la cosa più giusta. Bisogna avere anche rispetto dei tifosi del Cagliari. Non solo non hanno visto la partita, ora potrebbero averla persa senza giocarla»

UEFA –  Poi la discussione si è spostata sulla Lazio di Petkovic e anche sull’inchiesta aperta dall’Uefa dopo la partita di Londra. Sotto esame i presunti ululati razzisti denunciati dalla stampa inglese e che giovedì sera al White Hart Lane sarebbero partiti da un gruppo di tifosi biancocelesti all’indirizzo di Lennon e Defoe, gli attaccanti di colore degli Spurs.  «Quei cori non li ho sentiti. E poi quando si parla della Lazio, tutti sono pronti a sparare sul bersaglio»  ha commentato Lotito cercando di smorzare la polemica e ricordando la politica seguita dalla società sotto la sua gestione. «Purtroppo ci portiamo dietro un retaggio del passato. Ma la nostra società ha sempre intrapreso iniziative volte al rispetto delle regole, a combattere la xenofobia e ogni manifestazione di razzismo. La nostra è una squadra multi-etnica e in cui sono presenti diversi giocatori di colore». Ha sorriso compiaciuto ripensando alla scelta di Petkovic, vera sorpresa di questo inizio campionato. «Allena lo spirito e la mente, non solo i giocatori dal punto di vista atletico e tattico. Ha portato senso d’unione e rispetto all’interno della Lazio. Ora speriamo di continuare».

fonte: CdS

Simone Davide

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy