Maledizione Konko: stop di 45 giorni

Maledizione Konko: stop di 45 giorni

 E’ una maledizione. Si è rotto anche Konko: distrazione del legamento collaterale mediale del ginocchio destro, 45 giorni di stop. Un’altra tegola, un altro infortunio traumatico, un altro big fuori. Konko s’è fatto male dopo uno scontro di gioco con Bjarnason, l’ha messo ko un trauma contusivo-distorsivo, è uscito dopo…

 E’ una maledizione. Si è rotto anche Konko: distrazione del legamento collaterale mediale del ginocchio destro, 45 giorni di stop. Un’altra tegola, un altro infortunio traumatico, un altro big fuori. Konko s’è fatto male dopo uno scontro di gioco con Bjarnason, l’ha messo ko un trauma contusivo-distorsivo, è uscito dopo pochi minuti dall’avvio di Lazio-Pescara. Ha lasciato l’Olimpico con le stampelle, al ginocchio destro è stato applicato un tutore. I piani di Petkovic si complicano alla vigilia di partite importanti, s’è creato un buco a destra. In organico restano il nuovo arrivato Pereirinha e Cavanda, ma quest’ultimo
L’esterno salterà i prossimi impegni di campionato e la doppia sfida europea contro lo Stoccarda. Fuori anche Mauri, Klose e Brocchiè fuori rosa da settimane. Alla società il compito di decidere, il belga a questo punto non può restare fuori, non ci sono alternative a destra.  «Cavanda discorso chiuso? Per me non c’è niente di chiuso, si deve vedere. Spero che Konko non sia out per un un mese, valuteremo e decideremo» , ha detto ieri Petkovic, le sue parole possono suonare come un’apertura al reintegro. L’assenza di Konko è pesante, l’esterno salterà i prossimi impegni di campionato, non ci sarà nella doppia sfida europea contro lo Stoccarda:  «Il ragazzo ha riportato una distrazione al collaterale destro, gli accertamenti radiografici ci diranno con certezza l’entità del problema e avremo risposte più precise sui tempi di recupero. Il collaterale è una struttura di un certo impegno, è possibile che i tempi non siano brevissimi» , ha detto Roberto Bianchini, uno dei medici sociali, ai microfoni di Lazio Style Channel. Konko oggi sarà sottoposto ai controlli di routine, le speranze di un recupero veloce sono ridotte. Oltre al difensore, anche Gonzalez ha preso una botta al ginocchio, ma non dovrebbe essere nulla di grave,

MAURI – Fuori Konko, fuori Mauri, il capitano rimarrà fermo per altri 7-10 giorni. Sente ancora dolore alla caviglia destra, s’è fatto male il 9 febbraio, nel match col Napoli. Mauri ha effettuato un ciclo di cure fisioterapiche, non è ancora guarito, è probabile che oggi venga sottoposto a controlli strumentali presso la clinica Paideia. Si infortunò incidentalmente, si procurò una distorsione alla caviglia destra inciampando sul pallone dopo il gol di Floccari. Il movimento innaturale della gamba gli ha provocato l’elongazione dei muscoli peronei, lo stop dura da oltre due settimane. Mauri non ci sarà a Milano, salterà anche l’andata con lo Stoccarda e il match con la Fiorentina (10 marzo), spera di tornare a disposizione per la sfida di ritorno con i tedeschi. In infermeria è presente Klose, i tempi di recupero si conosceranno con maggiore precisione il 4 marzo, tra poco meno di una settimana. Quel giorno il tedesco volerà nuovamente a Monaco di Baviera, sarà ricontrollato dai medici della sua Nazionale. Klose s’è procurato una brutta lesione al collaterale esterno del ginocchio destro, gli serve riposo per guarire. Miro aspetta il via libera per iniziare la seconda fase della riabilitazione, spera di essere a disposizione per gli eventuali quarti di finale europei (4 aprile) e soprattutto per il derby contro la Roma (7 aprile). Ai box c’è anche Brocchi, lotta per tornare in campo, non vuole chiudere la sua carriera. Ha un sogno: esserci nella finale di Coppa Italia. Ieri era all’Olimpico, ha fatto da commentatore tecnico su Lazio Style Channel. E’ solo un impiego part-time.

Il Corriere dello Sport

Cittaceleste

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy