Mauri, ecco il primo acquisto per il derby

Mauri, ecco il primo acquisto per il derby

ROMA – E’ finita l’attesa, è svanito l’incubo. Stefano Mauri domenica ha spento la televisione. Non ne poteva più di stare in salotto a guardare le partite. Saltando la trasferta del Bentegodi per sfidare il Chievo, ha finito di scontare la squalifica di sei mesi per l’omessa denuncia contestata dalla…

ROMA – E’ finita l’attesa, è svanito l’incubo. Stefano Mauri domenica ha spento la televisione. Non ne poteva più di stare in salotto a guardare le partite. Saltando la trasferta del Bentegodi per sfidare il Chievo, ha finito di scontare la squalifica di sei mesi per l’omessa denuncia contestata dalla Disciplinare e dalla Corte di Giustizia, che aveva prolungato il suo stop a nove mesi. Al Tnas ha ottenuto lo sconto, perché sono cadute le accuse relative alla partita con il Lecce del 22 maggio 2011. Stefano Mauri, peraltro, ha sempre respinto ogni addebito mosso dalla Procura di Cremona e dal procuratore federale Palazzi, dichiarando la propria innocenza anche in relazione alle accuse per la presunte combine sull’over di Lazio-Genoa del 14 maggio 2011. 

 

PANCHINA – Da oggi, alla ripresa dei lavori a Formello, il capitano tornerà ad allenarsi come ha sempre fatto negli ultimi sei mesi con una profonda differenza. Prima non sapeva se sarebbe tornato o meno a giocare a calcio e quando. Adesso potrà prepararsi in previsione del derby con la Roma. Un bel ricominciare. La Partita per eccellenza. Ci pensava da tempo, è diventato un obiettivo venti giorni fa, quando è finita la battaglia legale nelle aule dei tribunali sportivi. Stefano Mauri, guarda caso, non gioca una partita ufficiale dal 26 maggio dell’anno scorso. Entrò per sostituire Ledesma (infortunato) a metà ripresa e avviò l’azione del gol di Lulic. Un guizzo decisivo per alzare la Coppa Italia proprio nel derby con la Roma. Lotito lo aspettava e non lo ha mai abbandonato. Con Reja il feeling è solido. Presto tornerà a essere protagonista, forse già domenica, anche se il suo rientro avverrà gradualmente. Si è allenato bene in queste settimane, ma non può avere il ritmo della partita. Le ultime amichevoli risalgono alla fine di luglio, quando scattò la squalifica, e la Lazio si trovava ancora in ritiro ad Auronzo di Cadore. Quasi certamente domenica Mauri partirà dalla panchina. Questi giorni serviranno a Reja per controllarne la condizione. Il capitano può entrare in ballottaggio con Keita. Di sicuro verrà utilizzato come jolly offensivo per sparigliare durante il secondo tempo. Può essere di sicuro un bel cambio. Mauri è il primo acquisto della nuova Lazio di Reja.

DUBBI – Oggi, dopo un giorno di riposo, riprenderà la preparazione al centro sportivo di Formello. Reja avrà una settimana piena per preparare il derby. Dovrà risolvere alcuni dubbi, quello principale legato al portiere: rilancerà Marchetti o resterà Berisha tra i pali? E poi il ballottaggio tra Onazi e Gonzalez a centrocampo. Uno dei due dovrà rimpiazzare Biglia, fermato dal giudice sportivo. L’altro interrogativo riguarderà le condizioni di Konko. Il francese al San Paolo si era fermato per una contrattura al polpaccio destro. Lo staff medico non si è sbilanciato in previsione, anche se tra oggi e domani potrebbe riprendere a lavorare in modo differenziato. Recupero complicato, ma non impossibile.

LISTA UEFA – Tornando a Mauri, era stato ovviamente costretto a saltare la prima fase a girone, ma ieri è rientrato nella lista Uefa inviata a Nyon. Le altre due novità sono rappresentate dal ripescato Dias e dal nuovo acquisto Kakuta. Resta fuori il portoghese Helder Postiga, già utilizzato dal Valencia in Europa League. Escluso per scelta tecnica Pereirinha. Sono usciti di scena Hernanes e Floccari (venduti) più Ederson, infortunato. Confermati i quattro giovani: Guerrieri, Serpieri, Crecco e Cavanda.

Corriere dello Sport

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy