Mercato – C’è Rolan

Mercato – C’è Rolan

Un centrocampista per Petkovic: è sempre questa la traccia da seguire. Il mercato chiuderà tra una settimana, la Lazio non è fuori dai giochi, lavora nell’ombra, è a caccia della pedina giusta. Un centrocampista potrebbe arrivare: un’ala più che un mediano. Le valutazioni continuano, si studiano vari profili, si seguono…

Un centrocampista per Petkovic: è sempre questa la traccia da seguire. Il mercato chiuderà tra una settimana, la Lazio non è fuori dai giochi, lavora nell’ombra, è a caccia della pedina giusta. Un centrocampista potrebbe arrivare: un’ala più che un mediano. Le valutazioni continuano, si studiano vari profili, si seguono varie piste. La scelta, se sarà fatta, verrà compiuta in base alle esigenze.

ROLAN – Fioccano le proposte a Formello, tra le più interessanti c’è quella che porta a Diego Rolan, ala destra del Defensor Sporting. E’ tra i protagonisti del Sudamericano under 20, è l’ispiratore di Nico Lopez, il talento della Roma. Rolan è la vera sorpresa del torneo, è uruguaiano con passaporto comunitario. Classe 1993, nella Primera Division ha segnato 8 gol in 15 presenze. E’ alto 1,79, si tratta di un esterno offensivo che sa giocare anche come attaccante. Il talento gli scorre nel sangue: la mamma era una ginnasta famosa nel suo Paese, il papà ha militato nelle divisioni calcistiche inferiori. E’ veloce e tecnico, calcia con entrambi i piedi, ha scatto e senso del gol. Lo corteggiano in tanti, al Defensor è arrivata un’offerta di oltre quattro milioni di euro da parte di una squadra tedesca. La cifra è alta, la Lazio vorrebbe spendere di meno. Il giocatore piace, è stato seguito, il suo nome è rimasto sul taccuino dei dirigenti. HAJROVIC – Non si dimentichi Izet Hajrovic, centrocampista del Grasshoppers, classe 1991, fresco di debutto nella Nazionale allenata dal cittì Hitzfeld. E’ un’altra ala destra, sa puntare a rete. Petkovic lo conosce, è uno dei maggiori intenditori di calcio svizzero. Hajrovic costa un po’ di meno, un’offerta di 3-3,5 milioni convincerebbe il club elvetico a cederlo. Si integrerebbe benissimo nel 4-1-4-1, saprebbe adattarsi anche in altri moduli. Hajrovic è il talento più lucente partorito dalla Svizzera negli ultimi mesi, ha attirato l’interesse di tante società. Il Grasshoppers fiuta l’affare, proverà a scatenare un’asta. «Non lo cediamo a gennaio», hanno fatto sapere gli elvetici.

MEHMEDI – Esterni offensivi: a dicembre è stato proposto Admir Mehmedi, classe 1991. E’ macedone, ha passaporto svizzero. Gioca come seconda punta nella Dinamo Kiev, anche lui saprebbe adattarsi nel 4-1-4-1. La sua storia si conosce: non si trova bene in Ucraina, ha espresso più volte l’intenzione di lasciare la Dinamo Kiev. Mehmedi resta un’opzione percorribile, le condizioni economiche sono favorevoli. La Dinamo s’è detta pronta a cederlo in prestito con un diritto di riscatto fissato a 3,5 milioni di euro (è l’investimento che il club ucraino ha fatto nei mesi scorsi). Mehmedi è abituato a partire dalla fascia sinistra, è la sua corsia di riferimento. Voci dall’Olanda, la Lazio starebbe seguendo Nacer Chadli, ala sinistra classe 1989. E’ nato in Belgio, ha origini marocchine, il suo manager si chiama Daniel Evrard, s’è espresso così: «Ci sono tanti osservatori che lo stanno monitorando. Lazio e Milan sono le società che lo seguono con maggiore attenzione in Italia». Lotito e Tare non sono interessati.

HETEMAJ E KUZ – Mediani. Bizzarri e il Chievo parlano, nei colloqui tra i club potrebbe entrare Hetemaj. L’offerta Kuzmanovic è sempre lì, sul tavolo dei dirigenti. Non rinnoverà con lo Stoccarda, si libererà a giugno. E’ un vecchio pallino del club, può essere un’occasione da sfruttare in extremis, magari negli ultimi giorni di compravendita. Lotito e Tare hanno provato a prendere Jorginho, baby talento dell’Hellas Verona. E’ valutato 7 milioni di euro, una cifra spropositata, almeno per il mercato attuale.

Il Corriere dello  Sport

Cittaceleste

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy