Mezza Europa con la Lazio

Mezza Europa con la Lazio

– Rombo di motori, si parte, è l’alba di un nuovo sogno. Tutti a Londra, tutti con la Lazio. E’ un esodo: milleottocento tifosi pronti al decollo. Si partirà tra oggi e domani, saltando sugli aerei, sconfinando in Inghilterra, raggiungendo la sua Capitale da tante parti d’Europa. Milleottocento fedelissimi prenderanno…

– Rombo di motori, si parte, è l’alba di un nuovo sogno. Tutti a Londra, tutti con la Lazio. E’ un esodo: milleottocento tifosi pronti al decollo. Si partirà tra oggi e domani, saltando sugli aerei, sconfinando in Inghilterra, raggiungendo la sua Capitale da tante parti d’Europa. Milleottocento fedelissimi prenderanno il volo da Roma, un’altra quarantina di supporter arriverà dalla Scozia, dalla Norvegia, dalla Svezia, dall’Irlanda, dalla stessa Inghilterra, troveranno posto sugli spalti. Sono tutti fratelli biancocelesti, si sono messi in contatto attraverso il sito lazioland.com. Urleranno Lazio a perdifiato, porteranno al “White Hart Lane” un bandierone, lo sventoleranno con orgoglio, stringendosi attorno a un simbolo.

LA TRASFERTA – Tutti a Londra, di corsa, sognando il colpaccio. Tutti a Londra per cercare l’impresa in uno stadio affascinante, di fronte ad una squadra quotata e di tradizione. I biglietti sono andati a ruba, impossibile trovarne altri, la distribuzione è terminata nella giornata di ieri. Il settore ospiti sarà stracolmo, non ci sarà spazio per un fiammifero. Il tifo sarà caldissimo, la marcia d’avvicinamento è iniziata, l’attesa è spasmodica. Non è stato facile entrare in possesso dei tagliandi e i posti in aereo sono stati occupati in brevissimo tempo. I tifosi della Lazio si sono industriati per assicurarsi un viaggio di andata e ritorno. La maggior parte dei supporter partirà da Roma, sono stati organizzati alcuni charter, altri hanno preferito imbarcarsi da Perugia o da Milano, qualcuno s’era detto pronto a balzare in auto o in treno sfidando i tempi e i confini. Tutti a Londra: l’appuntamento è fissato per domani alle 16 presso la fermata della metro Liverpool Street, l’idea è organizzare un corteo e raggiungere il “White Hart Lane” in gruppo. Bisognerà rispettare il piano sicurezza deciso dalla polizia inglese: ogni poliziotto sarà a disposizione dei tifosi biancocelesti per fornire indicazioni e aggiornamenti in merito alle migliori tratte da prendere per raggiungere lo stadio (stazione Victoria Line, direzione Walthamstow Central o Seven Sisters).

L’AVVERTENZA – La società ha voluto ricordare ancora una volta le piccole avvertenze che vanno seguite:  «La Lazio segnala a tutti i sostenitori biancocelesti che l’utilizzo di petardi e/o fumogeni all’interno dello Stadio White Hart Lane è strettamente proibito. Per i contravventori, secondo la legge vigente nel Regno Unito, è previsto l’immediato arresto da parte delle forze dell’ordine. Tutte le bandiere e gli striscioni saranno controllati ai tornelli al fine di prevenire l’esposizione di simboli e/o messaggi di carattere politico e/o razziale. A tal fine il club inglese ha predisposto uno staff appropriato di lingua italiana» . Tutti a Londra, che carica ragazzi. Tutti al seguito della Lazio come ai bei tempi, come quando il popolo biancoceleste si metteva in marcia e dava spettacolo sui campi internazionali. Tutti uniti, tutti pronti. In undici saranno in campo, in milleottocento collaboreranno all’assalto. Sarà una grande sfida, di calcio e di tifo. Spettacolo in campo e sugli spalti, show tra campioni e figli di una fede. Vincerà chi avrà più coraggio e chi griderà di più.

Il Corriere dello Sport

Cittaceleste

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy