TEGOLA – Miro rischia un lungo stop

TEGOLA – Miro rischia un lungo stop

È Stefano Mauri a segnalare il problema alla panchina: fuori il tedesco, dentro Kozak. Petkovic allarga le braccia, l’allarme è immediato. Il numero 11 a fine gara è stato il primo ad abbandonare l’Olimpico, trolley e passo tutt’altro che spedito: «Speriamo bene – ha commentato – aspettiamo il risultato degli…

È Stefano Mauri a segnalare il problema alla panchina: fuori il tedesco, dentro Kozak. Petkovic allarga le braccia, l’allarme è immediato. Il numero 11 a fine gara è stato il primo ad abbandonare l’Olimpico, trolley e passo tutt’altro che spedito: «Speriamo bene – ha commentato – aspettiamo il risultato degli esami». È partito subito per la Germania, verrà visitato questa mattina a Monaco dal Prof. Wohlfahrt, si sottoporrà ad accertamenti strumentali, lo stiramento non è scongiurato (in quel caso rientro a gennaio), una contrattura lo costringerebbe a restare out per una decina di giorni. Tutto l’ambiente biancoceleste incrocia le dita. Salterà sicuramente il Maribor(non verrà convocato) è in forte dubbio per il Bologna, nel caso non fosse nulla di grave tornerebbe contro l’Inter il 15 dicembre all’Olimpico.



Rientrerà contro i nerazzurri anche Marchetti. Il portiere ha riportato un piccolo edema al flessore della coscia destra, resterà fermo per una settimana, il suo stop si è rivelato meno grave del previsto. Verso il rientro Konko, potrebbe tornare giovedì in Europa League, è reduce da un’ infiammazione alla caviglia sinistra. Continua intanto il recupero degli infortunati di lungo corso: Dias riprenderà l’attività con i compagni a gennaio, qualche settimana prima Brocchi. A giorni Petkovic riavrà a disposizione Zarate. La squadra oggi riposerà, la banda biancoceleste tornerà a Formello domattina. Mercoledì la partenza per la Slovenia, scenderanno in campo le seconde linee, saranno in molti a tirare il fiato in vista del Bologna.

Il Tempo

Cittaceleste

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy