Onazi ha fatto boom

Onazi ha fatto boom

Comunque vada, lui lo Stoccarda non lo dimenticherà mai. E forse neppure lo Stoccarda dimenticherà mai Eddy Onazi. Pensate che terremoto ha provocato questo ragazzo nigeriano solo una settimana fa. Quella sua serpentina ha prima fatto cambiare ruolo a Rudiger — presente quel difensore che ha subito il dribbling?Ecco, proprio…

Comunque vada, lui lo Stoccarda non lo dimenticherà mai. E forse neppure lo Stoccarda dimenticherà mai Eddy Onazi. Pensate che terremoto ha provocato questo ragazzo  nigeriano solo una settimana fa. Quella sua serpentina ha prima fatto cambiare ruolo a Rudiger — presente quel difensore che ha subito il dribbling?
Ecco, proprio lui — e poi l’ha spedito in panchina. E Bruno Labbadia, il tecnico dei tedeschi, da quel giorno è finito ancor di più nel mirino dei suoi tifosi, oltre che dei suoi dirigenti. Tutto questo per uno zig-zag. Tutto questo è stato Eddy Onazi una settimana fa, tanto che Vladimir Petkovic stasera lo lancerà titolare: hai visto mai che il ragazzo tira fuori un replay? Più forte Replay o no, Onazi si sta prendendo la Lazio. Perché  lui, a differenza di molti suoi compagni di centrocampo, ha minuti da spendere nelle gambe, con una testa sicuramente più fresca degli altri.  Persino i minuti finali di Lazio-Fiorentina l’hanno dimostrato, pur nel complesso di una partita ormai compromessa il nigeriano ci ha provato, ci ha creduto, non è sceso in campo già arreso. Petkovic l’ha ritrovato più forte, dopo la Coppa d’Africa. Forse persino troppo forte, se è vero
che uno dei limiti che lo staff tecnico biancoceleste riconosce al centrocampista è a volte la sua supponenza, la superficialità in alcune giocate: è come se si fidasse eccessivamente dei suoi mezzi.

Magic moment Mezzi che però ci sono e oggi non possono più essere ignorati. È il suo momento. Petkovic vuole sfruttarlo. E lui, Onazi, deve sfruttarlo. Perché mai come in questo momento le gerarchie di  centrocampo sono in discussione, tanto che uno dei rimpianti legati all’undici anti-Fiorentina è stato proprio quello legato all’assenza del nigeriano dall’undici di partenza. Stasera non sarà così. Stasera Onazi farà
da scudo a Hernanes lì in mezzo, quello che per più di mezza stagione hanno fatto Ledesma e Gonzalez, ora fermi ai box per rifiatare. Qui può inserirsi il nigeriano. In Europa League, che è stata la sua competizione,
quella che l’ha fatto conoscere  in campo internazionale.Petkovic non esitò a lanciarlo  titolare nell’esordio europea stagionale. Fu un battesimo di fuoco, al White Hart Lane, nel mezzo di una partita alla fine della quale la Lazio uscì imbattuta. Quel giorno non aveva ancora conquistato del tutto Petkovic, che stasera invece gli affida le chiavi del  centrocampo nella serata più importante, quella del dentro o fuori. Forse il sorpasso, Onazi, l’ha già effettuato.

La Gazzetta dello Sport

Cittaceleste

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy