Petkovic supera Reja

Petkovic supera Reja

Parlano i numeri. Un punto in più fa ben sperare e i miglioramenti dovranno essere continui: chi si ferma è perduto. Petkovic ha superato Reja, il conto riguarda le prime sei giornate di campionato. Il confronto è presto fatto: Vlado ha totalizzato 12 punti, il tecnico friulano un anno fa…

Parlano i numeri. Un punto in più fa ben sperare e i miglioramenti dovranno essere continui: chi si ferma è perduto. Petkovic ha superato Reja, il conto riguarda le prime sei giornate di campionato. Il confronto è presto fatto: Vlado ha totalizzato 12 punti, il tecnico friulano un anno fa (al sesto turno) ne aveva collezionati 11, aveva vinto una partita in meno. Petkovic ha ottenuto quattro successi (due sconfitte), zio Edy sera portato a casa tre vittorie e due pareggi (fu battuto in un’occasione). Sono simili i numeri relativi ai gol fatti e a quelli subiti: 9 e 6 per Petkovic, 9 e 7 per Reja. La Lazio attuale, più propulsiva e propositiva rispetto a quella precedente, ha incassato un gol in meno. Strano, ma vero.

LA CHAMPIONS – Una Lazio più forte, più continua, più da Champions, questo ha chiesto Lotito a Petkovic. Gli ha affidato una missione: migliorare i risultati ottenuti nelle ultime stagioni, centrare la qualificazione al terzo tentativo. Vlado sta andando forte, ha fatto registrare un avvio promettente, una delle migliori partenze della gestione Lotito e del ventennio recente. Il record lotitiano appartiene a due personaggi: Reja nella stagione 2010-11, alla sesta giornata, aveva 13 punti in classifica, gli stessi che Delio Rossi acquisì nel 2008-09. Petkovic è in scia e non vuole fermarsi, vuole fare ancora di più. Non è un tecnico che vive di rendita, sa che la Lazio non ha espresso tutto il suo potenziale. Ci sono ampi margini di crescita, il risultato finale dipenderà da molti fattori. Quali? L’unione del gruppo, il rendimento dei singoli, gli infortuni, la fortuna.

I RECORD – Petkovic ha fatto dodici, è il quarto miglior risultato registrato negli ultimi venti anni. Al primo posto c’è Eriksson con la sua Lazio scudettata, nel 1999/00 arrivò a quota 14 punti nelle prime sei partite, dietro di lui (con 13 punti come già spiegato) si sono piazzati Rossi e Reja. Vlado divide il quarto gradino della graduatoria con Zdenek Zeman (annata 1995/96). Dodici punti, una buona base per costruire il progetto Champions. Ne serviranno tanti altri per arrivare al traguardo, la strada è lunghissima e piena di ostacoli. Dodici punti e tanti rimpianti: la sconfitta col Genoa pesa sulla classifica della Lazio, con 1 punto o 3 in più gli scenari sarebbero diversi. Peccato, ma tant’è. Petkovic vuole riprendersi ciò che ha perso per strada, si sta concentrando sulla sfida al Maribor senza dimenticare la partita di domenica a Pescara. Da qui allo sosta restano due partite da giocare, possono cambiare il futuro. Vincere contro il Maribor significherebbe avvicinarsi al passaggio del turno europeo, battere gli abruzzesi permetterebbe alla Lazio di vivere una sosta serena e di tenere il passo Champions.

IL FUTURO – Petkovic ci proverà sino alla fine, ha costruito una Lazio promettente, bella da vedere, organizzata, produttiva. Il primo tour de force sta andando in archivio, il secondo si dovrà affrontare dal 20 ottobre in poi. I biancocelesti sfideranno il Milan alla ripresa e continueranno ad essere impegnati in Europa. Petkovic vuole aumentare la media punti, vuole che la sua squadra sia continua, è uno dei segreti per arrivare in Champions League. Reja ha fallito l’aggancio due volte, l’ha sfiorato, l’ha mancato per poco. Rossi lo centrò, è l’ultimo tecnico che ha compiuto la missione. Sono passati tanti anni da quellavventura europea, i tifosi sperano di rivivere l’emozione della Champions, le grandi sfide internazionali. I dodici punti in classifica permettono alla Lazio di occupare il terzo posto, è la meta finale. Dodici punti, si ripartirà da qui domenica prossima: la trasferta di Pescara s’annuncia caldissima, è una prova da superare.

fonte: CdS

Simone Davide

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy