Petkovic:La Lazio-babele è da primato

Petkovic:La Lazio-babele è da primato

Gli sono bastate un paio di partite per plasmare una Lazio vincente e a tratti pure spettacolare. Gli sono bastate un paio di partite per convincere i tanti scettici che avevano accolto con diffidenza il suo sbarco in Italia. E due partite gli sono bastate anche per eguagliare i suoi…

Gli sono bastate un paio di partite per plasmare una Lazio vincente e a tratti pure spettacolare. Gli sono bastate un paio di partite per convincere i tanti scettici che avevano accolto con diffidenza il suo sbarco in Italia. E due partite gli sono bastate anche per eguagliare i suoi predecessori sulla panchina biancoceleste. Già, perché ora Petkovic, come Delio Rossi, Ballardini e Reja, potrà dire di essere stato almeno per una giornata in vetta alla classifica di Serie A. 

Petko-primato Eh sì, perché poi la cosa che conta di più della doppia vittoria con Atalanta e Palermo è che, grazie a questi 6 punti, la Lazio è prima in classifica, insieme con Juve e Napoli. Una piacevole (anche se di solito poco duratura) consuetudine per la formazione romana negli ultimi anni. Questa è infatti la quinta stagione di fila che Lazio si ritrova in vetta alla Serie A almeno per una settimana. C’era riuscito Delio Rossi (che ci rimase quasi per un mese), poi Ballardini (solo per una giornata) e quindi Reja per due anni di seguito. Ora è la volta di Petkovic. Tra lo stupore generale, perché davvero in pochi avrebbero potuto prevederlo dopo un precampionato da incubo. Ma in pochi avrebbero pronosticato una Lazio tanto convincente, nel gioco e nei risultati, alle prime partite vere. 

La svolta di Ferragosto «Da 4-5 partite i giocatori sentono meglio le gambe ed è aumentata la concentrazione — conferma il tecnico a Lazio Style —. Dopo la figuraccia con il Getafe ci siamo guardati negli occhi e abbiamo deciso di reagire, da lì è cominciato il miglioramento». Sì, la svolta c’è stata attorno a Ferragosto. Nell’amichevole col Getafe, la sera dell’11 agosto, la prima Petko-Lazio toccò il fondo. Alla quarta sconfitta in altrettante amichevoli importanti disputate il tecnico capì che c’era qualcosa da cambiare. I giorni seguenti nella canicola di Formello decise cosa cambiare insieme con la squadra. «Io ho fatto un passo indietro, i giocatori un passo avanti, così ci siamo incontrati». Il risultato sono state le prestazioni nelle partite successive, nelle quali sono arrivate solo vittorie. Il passo indietro di Petko è stata una modulazione diversa del pressing e della velocità di manovra. Ma anche un modulo differente, meno avventuroso del 4-2-3-1 iniziale che prevedeva quattro giocatori sopra la linea della palla. Il 4-5-1 che ne è scaturito è molto meno temerario, ma non toglie alla Lazio quella voglia di aggredire l’avversario che si è vista nelle ultime gare.

Poliglotta e polivalente E così adesso è partita la corsa alla «beatificazione» dell’allenatore arrivato dalla Svizzera. «Le nuove idee in Italia non sono subito bene accette, normale ci fosse scetticismo sul mio conto». Adesso c’è però il rischio opposto. Ma Petkovic saprà come cavarsela nel frullatore-Italia. Il tecnico si vedrà (anche se l’inizio è decisamente promettente), l’uomo è sicuramente di spessore. Parla otto lingue (tra cui un ottimo italiano), affabile nei modi, ma deciso nell’affrontare i problemi: Petkovic ha già conquistato tutti dentro ed attorno a Formello. Se poi continua pure a vincere sul campo…

fonte: gazzetta dello sport

Simone Davide-Cittaceleste.it

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy