Pronti due gruppi

Pronti due gruppi

La Lazio si dividerà. La rosa è extralarge, da domani saranno creati dei gruppi di lavoro, almeno due: «Ora sono concentrato sulla partita col Palermo, poi valuteremo la situazione di diversi giocatori. Sicuramente non posso lavorare con 30-35 uomini, saranno divisi in gruppi, qualcuno dovrà allenarsi in modo specifico nel…

La Lazio si dividerà. La rosa è extralarge, da domani saranno creati dei gruppi di lavoro, almeno due:  «Ora sono concentrato sulla partita col Palermo, poi valuteremo la situazione di diversi giocatori. Sicuramente non posso lavorare con 30-35 uomini, saranno divisi in gruppi, qualcuno dovrà allenarsi in modo specifico nel periodo in cui guiderò 22 giocatori. Per preparare una partita vera il numero di calciatori può essere solo questo». Messaggio ricevuto. Petkovic è stato chiaro in conferenza stampa, in rosa ci sono 36 giocatori più il baby bomber Rozzi, sono troppi. Carrizo farà il terzo portiere (Berardi è stato ceduto al Verona), ma in organico ci sono anche Matuzalem, Foggia, Sculli e Alfaro più i giovani Mendicino, Cinelli, Di Mario e Barreto. Alcuni degli ex Primavera sperano di trovare posto nelle squadre di serie B che hanno la possibilità di fare mercato sino al 10 settembre (ad esempio Vicenza e Grosseto). Vanno chiarite una volta per tutte le posizioni di Diakitè e Zauri. Petkovic nei giorni scorsi si è esposto parlando del francese, ha detto di volerci puntare, non dovrebbe finire nel gruppo “esuberi”.

LE AMICHEVOLI -Vlado si riunirà con la società dopo il match col Palermo, già ieri sera in ritiro si sarebbe affrontato l’argomento.  «Ogni giocatore dovrà sfruttare le minime possibilità che avrà. Organizzeremo alcune amichevoli per mettere tutti in competizione, anche per stare solo in panchina», ha aggiunto il tecnico bosniaco-croato in conferenza stampa. E’ arrivata l’ora delle scelte difficili, rischiano in tanti. A Maribor, nel match di andata del play off europeo contro il Mura, finì in tribuna Rocchi. Petkovic non guarderà in faccia nessuno, quella del capitano non è stata la prima e ultima esclusione eccellente, ne seguiranno altre. In rosa ci sono tanti bomber di ruolo, sette considerando Sculli, giocando col 4-1-4-1 gli spazi sono stretti:  «Ci sono tanti attaccanti per pochi posti – ha confessato l’allenatore –  ho già parlato con diversi ragazzi. Ci saranno momenti in cui si giocherà o si andrà in panchina o in tribuna, dipenderà da loro». Petkovic sfrutterà la pausa per far giocare gli uomini che ha utilizzato poco finora, per testare Ciani e farlo inserire nei meccanismi difensivi. La Lazio si allenerà domani mattina, effettuerà una seduta defaticante, martedì dovrebbe riposare. Il rientro a Formello è fissato per mercoledì e giovedì dovrebbe disputarsi la prima delle due amichevoli previste durante lo stop del campionato. I giocatori che non faranno parte del gruppo principale saranno seguiti da un tecnico e da un preparatore atletico:  «Daremo minutaggio a chi ha avuto poco spazio e ai nuovi arrivati. Tutti avranno la possibilità di mettersi in mostra», assicura Vlado. C’è da chiarire il caso Matuzalem, non ha trovato sistemazione. E’ ancora fuori rosa, sono rimasti aperti i mercati arabi e russi, difficilmente si concretizzerà la cessione, il brasiliano non gradisce queste mete. Petkovic ha detto la sua:  «Sono successe diverse cose e vanno risolte sul piano societario. Le qualità di Matuzalem non le discute nessuno in società e in Italia. E’ un grande giocatore, è un campione, calciatori così darebbero una mano a qualsiasi squadra».

LA LISTA UEFA -Sì, è l’ora delle scelte. E’ slittata di due giorni la presentazione della lista Uefa, sarà ufficializzata domani (c’è tempo sino a mezzanotte). Troveranno spazio 25 giocatori, saranno i prescelti per giocare l’Europa League. Rispetto al play off col Mura è più complicato compilare la lista per via delle mancate cessioni e per l’inserimento di Ciani (nuovo arrivato) e Ederson (nelle due gare di spareggio era infortunato). Berardi è stato ceduto al Verona, era uno dei quattro giovani del settore giovanile inseriti come da regolamento. E’ rimasto Carrizo, sarà il terzo portiere dietro Marchetti e Bizzarri, ma considerare l’argentino in lista Uefa significherebbe rinunciare ad un giocatore di movimento. Petkovic potrebbe scegliere Tiziano Scarfagna, è il portiere della Primavera. Oggi il Palermo, da domani inizieranno le valutazioni e le consultazioni. Non c’è spazio per tutti nel progetto tecnico e in campo. La panchina lunga? Sarà utilizzabile solo in campionato. A molti la tribuna fa già paura.

Il Corriere dello Sport

Cittaceleste

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy