REPUBBLICA – Lazio, eurospareggio a Udine pensando al derby senza data

REPUBBLICA – Lazio, eurospareggio a Udine pensando al derby senza data

E se il 26 maggio, giorno delle elezioni del sindaco di Roma e della finale di Coppa Italia, uno scrutatore fuggisse dal seggio per vedere il derby? Il problema tormenta Alemanno: «Ci sono tante persone impegnate ai seggi: costringerle a scegliere tra la partita e le elezioni è una cosa…

E se il 26 maggio, giorno delle elezioni del sindaco di Roma e della finale di Coppa Italia, uno scrutatore fuggisse dal seggio per vedere il derby? Il problema tormenta Alemanno: «Ci sono tante persone impegnate ai seggi: costringerle a scegliere tra la partita e le elezioni è una cosa che andrebbe evitata. Anche per questo propongo di anticipare di una settimana la partita». Il prefetto Pecoraro condivide: «Sarebbe una scelta di buon senso, non una sconfitta dello Stato: portare a Roma 3mila agenti in più, vista la concomitanza elettorale, ha un costo che pagherebbero i cittadini. L’orario? Meglio tra le 15 e le 17». Malagò, presidente del Coni, auspica invece «che si faccia tutto come previsto, che si dia una prova di maturità». E il questore di Roma, Della Rocca, lancia l’appello: «Questa finale dev’essere una grande dimostrazione di civiltà». Insomma si è capito, manca più di un mese ma nella capitale si parla solo del derby: «Sarà una partita un po’ misteriosa, visto che per la prima volta assegnerà un trofeo», dice Petkovic. Che poi prova a spostare l’attenzione su Udinese-Lazio, spareggio per la Champions negli ultimi due anni e stasera invece scontro diretto per l’Europa League: «Le parole di De Rossi? Io penso solo a Di Natale». Già, perché Guidolin ritrova il capitano ma perde Muriel. Sempre emergenza in casa Lazio, che non vince in trasferta dal 22 dicembre ed è in crisi nera (12 punti in 13 partite nel ritorno, nono attacco del campionato): fuori Radu, Lulic e Cana; malconci (ma dovrebbero farcela) Ledesma e Klose: «Gli infortuni ci penalizzano. Però dobbiamo vincere, vogliamo centrare il nostro obiettivo senza aspettare la finale di Coppa». Cioè l’Europa League: qualificazione certa per entrambe, Lazio e Roma, se arriveranno tra il quarto e il sesto posto.

Repubblica

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy