• SUL CAN. 669 DELLA TUA TELEVISIONE TROVI CITTACELESTE TV - 24 ORE AL GIORNO, IN DIRETTA, PER PARLARTI DI LAZIO!

Un super Reja per l’Europa

Un super Reja per l’Europa

E’ un pezzo di miracolo, aspettando quello completo. E’ quarto. Anzi, sarebbe quarto. Non è immaginazione, è l’immagine della classifica parziale, è lo specchio dell’andamento del campionato registrato da quando Reja è entrato in competizione. Petkovic è stato esonerato dopo 17 partite, Edy ha esordito nel 18º turno. La Lazio,…

di redazionecittaceleste

E’ un pezzo di miracolo, aspettando quello completo. E’ quarto. Anzi, sarebbe quarto. Non è immaginazione, è l’immagine della classifica parziale, è lo specchio dell’andamento del campionato registrato da quando Reja è entrato in competizione. Petkovic è stato esonerato dopo 17 partite, Edy ha esordito nel 18º turno. La Lazio, a Natale, aveva 20 punti. Il furlan, nelle successive 15 giornate, ha totalizzato 28 punti, idealmente gli sono valsi la quarta posizione (è in condominio con Napoli e Atalanta). Solo Juve (38), Roma (35) e Parma (30) hanno fatto meglio. Edy viaggia alle medie di Benitez (terzo nella realtà) e a sorpresa s’è visto affiancare da Colantuono.

LA RIVOLUZIONE –
E’ strambo il rovesciamento della classifica, la prospettiva offerta dai risultati registrati in tutta la serie A nel 2014. E’ il campionato delle montagne russe, sin dall’inizio ha sbattuto giù e su le speranze dei biancocelesti. Con l’arrivo di Reja è cambiato il destino, s’è ricominciato a sognare e ad incutere timore. Edy ha una media di 1,86 punti a partita, ha vinto 8 gare, ne ha pareggiate 4, ne ha perse solo 3. Nelle ultime 15 sfide di A la sua Lazio ha segnato 20 gol, ne ha incassati 14. Le migliori difese, nel periodo in questione, appartengono alla Juve, alla Roma (11 gol beccati) e al Napoli (13). Edy ha risucchiato 9 punti all’Inter (quinta nella classifica reale) e 6 alla Fiorentina (quarta alla 32ª giornata). Inter e Fiorentina, sempre loro, nel 2014 hanno ottenuto 19 e 22 punti, hanno frenato. Lo studio rende ancora più chiaro un concetto: nella corsa al quinto posto il Parma sarà un concorrente agguerrito: nonostante il ko coi biancocelesti è rimasto davanti nella classifica parziale e in quella generale. 

 

L’ATTACCO –  Edy ha scalato la classifica partendo dietro a tutti, potendo utilizzare armi meno affilate, soprattutto in attacco. Klose ha segnato poco rispetto alle stagioni precedenti e Reja s’è dovuto inventare nuovi goleador: Keita, Candreva e Lulic (gli ultimi due non avevano mai segnato così tanto). Le squadre che precedono la Lazio nella classifica parziale hanno un potenziale offensivo più produttivo. Edy può godersi i numeri, ma non è tipo che si specchia nelle statistiche. A lui interessano i fatti, attende le ultime sei partite (Napoli, Torino, Livorno, Hellas Verona, Inter e Bologna), studia il bottino di punti (18) che restano a disposizione. Edy lo sa, ne serviranno un bel po’ per agganciare il quinto posto (tenendo sempre a mente che il sesto può comunque garantire la qualificazione, dipenderà dal piazzamento finale della Fiorentina, è in finale di Coppa Italia col Napoli).

L’ANIMA –
In tanti pensavano che la Lazio fosse fuori dai giochi, si sbagliavano. Reja ha ridato un’anima alla squadra, l’ha rimessa in carreggiata. E’ un esperto di rimonte e di scalate, le partenze in salita non l’hanno mai impressionato. Reja, oggi, è uno dei favoriti nella corsa europea, ha messo il fiato sul collo a Parma e Inter, ha sconfitto i primi e proverà a schienare i secondi nella sfida dell’11 maggio (si disputerà a S.Siro). Reja corre e rincorre a cento all’ora, progetta i sorpassi in volata, con lui non è mai tempo di andarci piano.

Corriere dello Sport

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy