Villas Boas:”Complimenti alla Lazio”

Villas Boas:”Complimenti alla Lazio”

 Se oggi Andre Villas Boas allena il Tottenham (e vanta esperienze in squadroni come Chelsea e Porto, dove ha conquistato una clamorosa tripletta) è anche grazie all’esperienza maturata quando era il “tattico” di Jose Mourinho. Villas Boas ama parlare di tattica e basta una mezza domanda sulla Lazio per vederlo…

 Se oggi Andre Villas Boas allena il Tottenham (e vanta esperienze in squadroni come Chelsea e Porto, dove ha conquistato una clamorosa tripletta) è anche grazie all’esperienza maturata quando era il “tattico” di Jose Mourinho. Villas Boas ama parlare di tattica e basta una mezza domanda sulla Lazio per vederlo lanciarsi in una disamina immediata (forse anche perché i media inglesi, a differenza da quelli nostrani, si interessano assai poco agli aspetti tattici).
 «Io mi era preparato per affrontare una Lazio con Candreva in campo, per me è un grande giocatore e molto importante per i loro equilbri perché sa dare ampiezza al gioco – afferma –  Senza di lui (febbricitante, ndr)  Petkovic ha proposto un centrocampista in più e la Lazio ha cercato di giocare più per vie centrali, sia con scambi rapidi che con lanci da dietro. E proprio per questo, abbiamo lavorato molto per cercare di neutralizzare Ledesma, che è bravissimo a lanciare lungo e a dettare i tempi. Non a caso le poche volte che ha avuto il tempo di lanciare si è reso molto pericoloso, basta pensare al passaggio insidioso in profondità per Mauri nel primo temo. Quindi ho pensato di neutralizzare Ledesma chiedendo a Defoe di fare un lavoro di pressing su di lui, aiutato da Lennon, che spesso si è accentrato. L’idea mia era di lasciare pure il pallone ai due centrali della Lazio, Biava e Andre Dias che sono più bravi in fase difensiva che in fase d’attacco. Devo dire che la mia strategia ha funzionato, forse di più nel primo tempo che nel secondo».
I RIMPIANTI –  Ma c’è anche rammarico per i tre gol annullati e, come da copione, il portoghese non ha peli sulla lingua.  «Io sono molto contento della nostra prestazione – afferma –  Abbiamo segnato tre gol, ma purtroppo tutti e tre sono stati annullati per errori arbitrali. Prendete il gol di Caulker. Ha saltato benissimo contro uno come Mauri, forse il più bravo di tutti di testa tra i giocatori laziali. Comunque abbiamo giocato bene ed ottenuto un punto contro una squadra che sta facendo benissimo in campionato». I colleghi inglesi gli chiedono anche dei presunti “buuu” razzisti diretti a Lennon.
 «Io non ho sentito nulla – dichiara Villas Boas  – Sta alle autorità capire se è successo qualcosa e regolarsi di conseguenza. Io però non posso accusare nessuno perché, ripeto, non l’ho sentito e non ho sentito nulla da parte dei giocatori». Conferma anche da parte di Lennon, uno dei giocatori presi di mira secondo gli inglesi:  «Io non ho sentito nulla di razzista».
MENTALITA’ –  Villas Boas chiude con una sua battaglia personale.  «Uno dei miei obiettivi quest’anno è cambiare la mentalità di tutti, dai giocatori alla stampa ai tifosi, per quanto riguarda l’Europa League – spiega –  Questa è una grande competizione, un torneo difficile dove bisogna misurarsi contro grandi squadre per tutto l’anno. Non capisco perché c’è chi chi lo snobba. Questa tra noi e la Lazio è stata una gara bellissima, anche loro avrebbero potuto segnare un paio di reti. Se ci pensate poteva tranquillamente essere una gara di girone di Champions League. E allora tutti l’avrebbero vista in maniera differente».

Il Corriere dello Sport

Cittaceleste

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy