Zarate-Dinamo Kiev ai titoli di coda

Zarate-Dinamo Kiev ai titoli di coda

Alla fiera dell’Est, parafrasando Branduardi, la montagna rischia di partorire un topolino. O forse neppure quello. Perché trascorsa senza alcun esito positivo la finestra di gennaio del mercato italiano, oggi scadranno anche i termini per quella del campionato russo e di quello ucraino. Le ultime speranze della Lazio di togliersi…

Alla fiera dell’Est, parafrasando Branduardi, la montagna rischia di partorire un topolino. O forse neppure quello. Perché trascorsa senza alcun esito positivo la finestra di gennaio del mercato italiano, oggi scadranno anche i termini per quella del campionato russo e di quello ucraino. Le ultime speranze della Lazio di togliersi
Oggi chiudono i termini per i trasferimenti in Ucraina. Maurito resterà a Formelloi “fardelli” Zarate e Foggia e di questi ultimi di tornare a essere calciatori “attivi” sono a questo punto ridotte al lumicino.

NESSUNA NOTIZIA – La supposta – supponibile a questo punto? – pista che avrebbe dovuto portare l’attaccante argentino alla Dinamo Kiev sembra essere definitivamente tramontata. La società ucraina non ha più lanciato alcun messaggio all’entourage di Zarate, dopo gli approcci avuti – ma mai concretizzatesi – a gennaio. Maurito ha un contratto che lo lega alla Lazio fino a giungo del 2014. Se dovesse tramontare definitivamente, come appare assai probabile, l’ipotesi Kiev, se ne riparlerà la prossima estate per cercare di risolvere la situazione di “separati in casa”: Zarate è fuori rosa con danni (agonistici) per lui (economici) per la società.

IL NODO – Lo scoglio insormontabile è stato di natura economica. La clausola di rescissione chiesta dell’argentino ha fatto saltare il banco. La Dinamo Kiev e la Lazio si erano trovate d’accordo intorno a una cifra tra gli otto e i nove milioni. La “necessità” di prendere
Anche per Foggia non sembrano esserci possibilità: si allontanano Rostov e Lokomotivl’argentino e di garantirgli una clausola inferiore al prezzo d’acquisto ha prima spinto gli ucraini ad abbassare l’offerta e successivamente ad abbandonare (definitivamente?) le trattative.

DOPO LA SAMP? – L’altro caso scottante riguarda Pasquale Foggia, fermo dalla scorsa estate quando contribuì a riportare la Sampdoria in Serie A. Anche per lui, svanite le piste italiane, sembravano profilarsi possibilità orientali: su tutte FC Rostov e Lokomotiv Mosca, formazioni della Russian Premier League. Le possibilità tuttavia che l’esterno riesca ad accasarsi sono davvero ridotte al lumicino. Non ne fa mistero neppure il suo agente che ha rilasciato una breve, ma piuttosto esplicita dichiarazione a Lalaziosiamonoi.it. «  Russia o Cina? Per il momento non ci sono novità – ha affermato il suo agente Sommella –  e se non ce ne saranno il ragazzo rimarrà alla Lazio. Vedremo… ». Se l’intento era di raffreddare gli entusiasmi, li ha semplicemente gelati. Anche per Foggia dunque la prospettiva è quella di continuare ad allenarsi mestamente a Formello in attesa che il vento giri. Comunque per lui il rapporto con la Lazio si concluderà senza altre esitazioni a giugno alla scadenza del contratto. A quel punto spetterà soltanto a lui scrivere il canovaccio del proprio futuro.

Il Corriere dello Sport

Cittaceleste

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy