ZOOM – Perchè tifare Napoli in Europa League…?

ZOOM – Perchè tifare Napoli in Europa League…?

ROMA – Reagire subito e ripartire è stato lo slogan coniato da Pioli dopo il pareggio con l’Atalanta. «Ha ragione Garcia, conterà trovarsi nella giusta posizione il 31 maggio e non adesso» ha spiegato negli spogliatoi dello stadio Atleti Azzurri d’Italia prima di sottolineare quanto la Lazio, nei temutissimi confronti…

ROMA – Reagire subito e ripartire è stato lo slogan coniato da Pioli dopo il pareggio con l’Atalanta. «Ha ragione Garcia, conterà trovarsi nella giusta posizione il 31 maggio e non adesso» ha spiegato negli spogliatoi dello stadio Atleti Azzurri d’Italia prima di sottolineare quanto la Lazio, nei temutissimi confronti diretti del girone d’andata, avesse tenuto testa all’Inter e alla Roma (due pareggi dopo essere stata in vantaggio di due gol) e anche al Napoli, passato all’Olimpico nel giorno in cui mancavano De Vrij, Lulic, Mauri e Felipe. La Samp era stata asfaltata con tre gol alla ripresa del campionato nella notte dell’Epifania. La Lazio rispetta ma non teme la concorrenza. Pioli è convinto di potersela giocare alla grande, soprattutto se potrà sfruttare l’organico al completo nelle ultime settimane. «Non esiste un calendario facile o difficile» ha ricordato a Bergamo. La squadra biancoceleste, che si ritroverà oggi a Formello, si tufferà verso la volata con l’idea di poterla spuntare negli ultimi 180 minuti del campionato, quando dovrà affrontare la Roma e il Napoli al San Paolo.  

 

 
Napoli.Non esistono calendari facili o difficili perché le circostanze, oggi in modo inatteso o non calcolato, potrebbero favorire la Lazio. Un esempio? Il Napoli è impegnato nelle semifinali di Europa League con il Dnipro. Se Benitez riuscirà ad arrivare in fondo e dovesse vincere la finale di Varsavia, in calendario mercoledì 27 maggio, si garantirebbe la qualificazione automatica alla prossima Champions. Il successo del Napoli si trasformerebbe in un vantaggio per la Lazio. Oggi quel confronto diretto fissato per il 31 maggio al San Paolo appare come uno spauracchio. Sarebbe diverso se la squadra biancoceleste ci arrivasse con il Napoli quarto in classifica e tre giorni dopo aver festeggiato un trofeo che vale la Champions. E’ una semplice ipotesi, ma può essere presa in considerazione, almeno per alleggerire il quadro catastrofico disegnato intorno al calendario.  
La matematica. Alla sicurezza della qualificazione in Europa League manca un punto, perchè la Fiorentina è quinta con 52 punti e potrebbe arrivare in teoria a quota 64, ma la Lazio ha vinto i due confronti diretti. Il Napoli, facendo il pieno nelle ultime quattro giornate, chiuderebbe a 71 ma alla squadra di Pioli basterebbero tre vittorie (dando persa l’ultima) per conservare il terzo posto. A Formello sognano ancora il secondo. Un motivo in più per tifare Napoli in Europa e concentrarsi sul derby decisivo del 24. (fonte: Corriere dello Sport)

0 commenti

Commenta per primo!

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy